Adotta un italiano: la nuova web-serie sulla crisi del lavoro

Adotta un italiano: la nuova web-serie sulla crisi del lavoro

Sul web arriva “Adotta un italiano”, una nuova miniserie che racconta la famosa “crisi italiana” del lavoro da un punto di vista comico, pungente e divertente.

Ideata e diretta dai registi Giulia Carla De Carlo e Jonny Triviani. “Adotta un italiano” nasce dall’idea di dare una scossa agli italiani e alla classa dirigente, ponendosi la domanda: che cosa succederà se la crisi continua a dilagare in questo modo? La risposta è: gli italiani verranno adottati dai Paesi esteri.
Tutto il mondo è consapevole delle abilità e della creatività degli italiani, per questo, in un futuro immaginario, per ogni situazione ci sarà sempre un italiano a risolvere i problemi degli altri. Tutto il mondo troverà la propria soluzione nell’adottare un Italiano, e l’Italiano troverà la propria pace nell’essere adottato.
Principio essenziale da cui parte la mini serie è la crisi, soprattutto quella del lavoro. L’articolo 1 della costituzione italiana è il punto fondamentale: L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Da qui parte l’idea della miniserie.

CAST (in ordine alfabetico)

ADOTTATI
: Simone Arcadi, Philipp Botes, Giulia Carla De Carlo, MariaTeresa di Bari, Alessandro Grande, Demetrio Mazzotta, Guendalina Tambellini, Jonny Triviani.
ADOTTANTI: Tanir Alla (Albania), Osmin Lima Espinosa (Cuba), Malou Guerzon (Filippine), Jun Ichikawa (Giappone), Nadja Jeliazkova (Germania), Melanie Martinez (Francia), Danny Singh (Inghilterra), Essam Wahdan (Egitto), Kassim Yassin (Somalia).

Scritto e diretto da GIULIA CARLA DE CARLO e JONNY TRIVIANI
Casting FILIPPO CELLI, GUENDALINA TAMBELLINI
Scenografia GIOVANNI PANETTIERE
Segretaria di edizione VALENTINA MORGIA
Location GUENDALINA TAMBELLINI
Montaggio GIULIA CARLA DE CARLO e JONNY TRIVIANI
Grafica coupon GIULIO NOVELLO
Consulente After Effect DIEGO ARCIERO
Fotografie poster promozionale FEDERICO GRIMALDI
Prodotto da GIULIA CARLA DE CARLO, JONNY TRIVIANI, GUENDALINA TAMBELLINI

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook