Gran Bretagna: un divorzio su tre causato da Facebook

Facebook fin dalla sua prima apparizione in Europa aveva colpito per due motivi: da una parte riusciva ad unire persone che erano lontane e che magari altrimenti si sarebbero perse di vista, dall’altro è diventato un nemico per i bugiardi ed i traditori.

Difatti da un recente studio del sito anglosassone “Divorce-online” si apprende che in Gran Bretagna un terzo dei divorzi è causato da Facebook (33% dei casi). Sul sito si può leggere che Facebook causa liti che portano al divorzio per tre principali motivi: messaggi inappropriati da parte del coniuge nei confronti di persone dell’altro sesso; commenti cattivi da parte di uno dei due coniugi separati sulla bacheca dell’altro/a; segnalazioni del comportamento di uno dei coniugi da parte degli amici di Facebook.
Uno dei responsabili del sito “Divorce-online” ha dichiarato: “Il social network è diventato lo strumento principale di comunicazione. Se qualcuno vuole avere una relazione o per flirtare è il posto più facile per farlo. Inoltre l’utilizzo di Facebook per fare commenti sui partner di ex amici è sempre più frequente. La gente deve stare attenta a ciò che si scrive sulle proprie bacheche”.
Non è, e non sarà raro quindi in futuro vedere sempre più causa di divorzio che citano il social network nel corso delle udienze. Un consiglio (un vero consiglio) per evitare tutto ciò?
Sposatevi solo se vi amate, solo così eviterete di tradirvi e finire divorziati.

di Jessica Frasca

3 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook