20 consigli per una salute radiosa: parte seconda

di Pamela Alfonsi (per leggere parte prima clicca qui)

Eccovi gli ultimi 10 consigli che vi aiuteranno non solo a godere di un’ottima salute, ma soprattutto ad instaurare quell’equilibrio fisico ed emotivo a lungo ricercato, per sentirsi meglio con se stessi, ma anche con gli altri. Ricordo ai lettori che quanto segue é la seconda parte di una lista di consigli che ho avuto la fortuna di prendere da un centro spirituale, quale l’Ananda Ashram di Assisi, e sono quindi basati su una filosofia di vita orientale, spesso piuttosto lontana dalla nostra cara cultura italiana che spesso fa del cibo l’essenza portante delle nostra giornate. In questi consigli viene un pó riassunto il principio “mangio per vivere” piuttosto che il “vivo per mangiare”, pertanto lascio a voi eventuali giudizi in merito, e parto con la lista.

 

  1. Digiuna per un giorno alla settimana e 3 giorni consecutivi al mese

Dare al tuo apparato digerente regolari periodi di riposo attraverso un digiuno, permette al tuo corpo di purificarsi dalle tossine accumulate, rafforza il sistema immunitario, aumenta l’aspettativa di vita, grazie ad un aumento della produzioni di ormone anti-invecchiamento, aumenta l’efficienza della sintesi proteica per avere cellule, tessuti e organi sani, e rafforza il sistema digestivo.

  1. Prenditi cura del tuo colon

Dare al colon una profonda pulizia una volta l’anno, seguito dall’assunzione di probiotici per un mese, contribuirá ad eliminare l’accumulo di placca mucosa, ossia quella sostanza collosa ricca di tossine e parassiti presente sulle pareti dell’intestino, che si forma in seguito a cattive abitudini alimentari. A lungo andare questa placca impedisce al tuo corpo di assorbire le sostanze nutritive essenziali e la sua eliminazione ristabilirá dunque un sano equilibrio nel tuo tratto intestinale tra i microrganismi benefici e quelli potenzialmente dannosi.

  1. Sostituisci le proteine animali con legumi, tofu e seitan

Le fonti di proteine animali, tra cui carne, pesce, uova, formaggio, burro e latte, oltre ad essere altamente acide, sono anche piene di grassi saturi. Le fonti vegetali di proteine invece, come appunto legumi, seitan e tofu, oltre ad essere molto meno acide di quelle animali e a basso contenuto di grassi saturi, contengono molte piú sostanze nutritive essenziali.

  1. Mangia quando sei calmo

I tuoi organi digestivi sono direttamente collegati al tuo sistema nervoso simpatico, ossia la parte del sistema nervoso autonomo che rimane attiva anche durante fasi di stress o di pericolo. Pemsieri nocivi pertanto, come ansia, paura o preoccupazione rallentano la digestione e la rendono piú difficile. Vicerversa, pensieri felici e sereni contribuiranno a rendere la digestione efficiente ed efficace.

  1. Purificare attraverso la preghiera

Quasi tutte le tradizioni spirituali hanno l’usanza di dire una preghiera prima di mangiare. Non é un caso infatti che quando si benedice il cibo e lo si offre al Divino, esso diventa puro, benedetto e sattvico ( si intende quel cibo che da forza all’individuo senza aumentarne la massa corporea). Dire una preghiera aiuta anche a soffermarsi e riflettere su ció che abbiamo nel piatto e a ricerverlo con il giusto atteggiamento: il cibo é un dono dato per sostenere il tuo corpo e spiritualizzare la tua mente ed é pertanto giusto ed appropriato ricerverlo con amore, gioia e gratitudine.

  1. Combina bene gli alimenti

Gruppi di alimenti diversi richiedono enzimi, tempi di digestione e Ph digestivi diversi, affinché avvenga una corretta digestione. Se i vari gruppi alimentari non sono combinati nella giusta maniera, i requisiti specifici per una digestione efficace, tendono ad annullarsi a vicenda. Alcuni alimenti, infatti, vengono digeriti piú velocemente di altri: la frutta ad esempio, se rimane intrappolata nel sistema digestivo per un periodo superiore a quello necessario, a causa di una combinazione errata con alimenti che si digeriscono piú lentamente, porterá ad un processo di fermentazione.

Buone combinazioni di alimenti sono: frutta da sola, cereali + verdure, pasta + verdure, legumi + verdure, pesce/carne + verdure, legumi + cereali.

Combinazioni da evitare sono invece: cereali con latticini o carne, frutta + verdure, frutta + carne, frutta + cereali, frutta + latticini.

  1. Non troppo caldo, non troppo freddo

La temperatura di cibi e bevande ingeriti ha un effetto sulla quantitá di energia che abbiamo, ma anche sulla milza e su altri organi. Bevande ghiacciate indeboliscono gli organi, mentre cibi caldissimi, oltre a bruciare il palato e ferire le membrane della bocca, danneggiano la mucosa gastrica dello stomaco e rovinano le papille gustative. Cibi, bibite a temperatura ambiente o leggermente tiepidi, sono pertanto la soluzione migliore.

  1. Fai esercizio fisico regolarmente

Per il mantenimento della buona salute, l’esercizio fisico quotidiano non é meno importante della tua alimentazione. L’esercizio fisico regolare rende i muscoli del cuore piú forti ed efficienti, fornisce piú ossigeno ai muscoli e agli organi, migliora la digestione e l’eliminazione delle feci, rinforza i muscoli con un conseguente miglioramento anche delle articolazioni, rende la pelle sana e brucia le tossine. In particolare ci sono due tipi di esercizio fisico necessario per una salute perfetta: yoga asana (posizioni), ed esercizio aerobico, come la corsa, il nuoto o il ciclismo.

  1. Fai dei bagni di sole

I raggi del sole sono facilmente convertiti in prana (parola sanscrita tradotta con “principio vitale” o “alito di vita”) e aiuta a curare determinate malattie e a miogliorare la tua salute in generale. Siediti o stai in piedi al sole per almeno una mezzora due volte alla settimana o ancora meglio se ogni giorno, raggiungendo gradualmente la mezzora a seconda della tollerabilitá cutanea al sole. Un consiglio? Se ti concentri sull’energia dei raggi del sole sarai in grado di attirarne molta di piú, che se prendessi il sole distrattamente.

  1. Pranayama (corretta respirazione)

La maggior parte delle persone utilizza solo il 25% della loro effettiva capacitá polmonare. Acquisendo l’abitudine di respirare profondamente usando la tecnica del respiro yogico completo, la respirazione diventa piú efficiente e la tua salute migliora. Durante la respirazione corretta, tutti i 73 milioni di cellule dei polmoni ricevono ossigeno, invece dei soli 20 milioni coinvolti con una respirazione impropria, prevenendo malattie come la tubercolosi, e malattie respiratorie come tosse, bronchiti ecc.  Una respirazione corretta migliora anche la circolazione sanguigna e il trasporto di ossigeno e di prana vitale a tutti gli organi, tessuti e cellule, e attraverso l’espirazione si favorisce l’eliminazione delle tossine. Inoltre grazie all’esatto movimento del diaframma, viene svolto un massaggio continuo ad intestino, reni, stomaco, pancreas e fegato, con il risultato di migliorarne il funzionamento. Una giusta respirazione ti libera anche da stress, ansia, paura, preoccupazioni, rabbia, irritabilitá e depressione e migliora la memoria e la capacitá di concentrazione. La tecnica di respirazione yogica completa si basa su: inspirazione che inizia dal diaframma, passa per la gabbia toracica fino ad arrivare alla zona del petto e delle clavicole; espirazione prima dal petto, poi la gabbia toracica ed infine l’addome. Iniziamo a respirare dunque, poiché il respiro é vita.

Se vuoi saperne di piú circa questo metodo, visita questo link: http://www.yoga.it/articoli/la-respirazione-yogica-completa/ )

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook