GP di Silvestone: Lorenzo torna sul podio…

GP di Silvestone: Lorenzo torna sul podio…

valentino-rossi-lorenzo-silverstone-2013-3Il campione spagnolo taglia il traguardo in Inghilterra, dopo un’entusiasmante finale con il giovane ed emergente connazionale Marquez, che resta sempre al comando della classifica generale piloti. Valentino Rossi è quarto.

Torna sul podio il pilota spagnolo Jorge Lorenzo che si aggiudica su Jamaka il Gran Premio di Silvestone, davanti al connazionale e campione del momento  Marc Marquez. (Honda) Terzo un’altro spagnolo Dani Pedrosa. Valentino Rossi si piazza invece in quarta posizione. Importante il successo di Lorenzo che non vinceva una corsa dal 16 giugno scorso, quandi si impose nel GP di Barcellona. Invariata comunque la classifica generale dei piloti nelle prime posizioni:  in testa c’è sempre Marc Marquez su Honda con  233 punti, inseguito da Dani Pedrosa con 203  sempre su Honda, terzo Jorge Lorenzo su Yamaka con 194 punti. Quarto Valentino Rossi con 156 punti sempre su Yamaka.

A Silvestone non è mancato lo spettacolo. La partenza è fulminea con Lorenzo, davanti a Marquez  e con Pedrosa che più tardi riesce a portarsi in terza posizione. La lotta è interessante in testa. Lorenzo mantiene il comando fino al terz’ultimo giro quando poi Marquez, nonostante una lussazione alla spalla sinistra  per una caduta nel warm up, riesce a superare Jorge che però reagisce da grande campione, riprendendosi il comando all’ultimo curva, riuscendo così a tagliare il traguardo per la quarta volta in questa stagione.

A fine gara Lorenzo è raggiante e corre ai box ad abbracciare tutto lo staff della Jamaka. ” Sono molto emozionato. Questa vittoria mi è costata tanti sacrifici”. Soddisfatto anche Marquez che precisa: ” E ‘stata una lotta divertente, peccato per l’ultima curva. Sono molto contento. La spalla infortunata? Mi faceva tanto male. I dottori hanno fatto un ottimo lavoro. Il problema più grande alla fine non è stato il dolore, ma la fatica.”

Gigi Rubino

01/09/2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook