Vettel su Renault vince il Gran Premio di Bahrain. Male la Ferrari di Alonso.

Vettel su Renault vince il Gran Premio di Bahrain. Male la Ferrari di Alonso.

19.04.2013- Free Practice 1, Sebastian Vettel (GER) Red Bull Racing RB9Sebastian Vettel su Red Bull Racing Renault ha vinto il Gran Premio di Bahrain di Formula I, davanti alla Lotus pilotata da Kimi Raikkonen. Terzo Roman Grosjean sempre su Lotus. Male la prova della Ferrari di Alonso classificatasi all’ottavo posto e che, durante la gara, ha dovuto rallentare per un guasto all’alletone.
” E’ stata una corsa bellissima. Ho spinto quando volevo. E’ stato importante prendere la testa e gestire le gomme – ha detto il vincitore Sebastian Vettel a fine gara. Il ritmo – precisa il pilota – è stato pazzesco, ma alla fine ho gestito bene il vantaggio.
Di diverso umore è logicamente il pilota della Ferrari, Alonso che se la prende soprattutto con la sfortuna: ” Nessun errore, solo sfortuna, è la prima volta che succede in tre anni di Drs. I sorpassi, purtroppo, diventono quasi impossibili. Con noi in avanti, la corsa – continua il pilota spagnolo – sarebbe stata diversa”.
Soddisfatto del piazzamento e della prestazione è il finlandese della Lotus, Kimi Raikkonen che dice:” Abbiamo guadagnato molte posizioni.
La gara ha presentato numerose mutamenti. I piloti sono stati costretti a fermarsi in più occasioni ai box. All’undicesimo giro sono già quattro i contendenti costretti a ricorrere ai meccanici. Inizia Webber, poi tocca a Rosberg e via di seguito, stop anche per Vettel e Massa; quest’ultimo costretto al cambio di ruote al 17esimo e 36esimo giro.

Ordine di Arrivo: ( primi dieci)

1)  Vettel ( Red Bull- Renault)

2) Raikkonen ( Lotus – Renault)

3)  Grojean ( Lotus – Renault)

4) P. di Resta ( India Mercedes 57)

5)  Hamilton ( Mercedes 57)

6) S. Perez ( Mac Laren / Mercedes)

7)  Webber ( Red Bull- Renault)

8)  Alonso ( Ferrari 57)

9)  Rosberg ( Mercedes 57)

10) Button ( Mc Laren – Mercedes 57)

 

Gigi Rubino

21 aprile 2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook