Il ciclismo laziale dice addio ad Armando Morucci. Oggi le esequie

Il ciclismo laziale dice addio ad Armando Morucci. Oggi le esequie

Armando-MorucciSi è spento alle 12:30 di Giovedì 5 Settembre, circondato dall’affetto dei propri cari, Armando Morucci (78 anni), storico e carismatico presidente e patron del GS Salvatore Morucci di San Martino al Cimino (Viterbo), così chiamato in onore dell’indimenticato fratello campione della AS Roma Ciclismo, Salvatore, scomparso nel 1961 dopo un tragico incidente stradale avvenuto a Frascati durante una corsa ciclistica. Proprio a Salvatore è dedicato il Trofeo Salvatore Morucci (51 edizioni), storica corsa ciclistica internazionale riservata alle categorie dilettanti élite e under 23. Promosso e organizzato proprio da Armando insieme ai fratelli Ezio ed Errico, quest’anno il Trofeo, per sua espressa volontà, si svolgerà il 6 Ottobre sempre a San Martino al Cimino per la categoria juniores.
Armando era un personaggio amato e stimato da tutti, dotato di grande umanità, generosità e disponibilità. Nobile figura dello sport viterbese e del ciclismo, lascia un incancellabile ricordo delle sue innate virtù umane oltre a un grande patrimonio di autentici valori sportivi e fair play. Le esequie avranno luogo oggi, venerdì 6 settembre, alle 16:00 presso la chiesa dell’Abbazia di San Martino al Cimino. Alla consorte, la signora Giuliana, alle figlie Attilia e Paola, ai fratelli Ezio e Errico, ai nipoti Alberto, Chiara, Elisa e Sara e al GS Salvatore Morucci giungono le più vive condoglianze: partecipano al dolore il Presidente Nazionale Fci Renato Di Rocco, il Presidente FCI Lazio Antonio Pirone, il Presidente Onorario Bruno Vallorani, il Coordinatore tecnico Antonio Zanon, i Comitati Provinciali del Lazio, il Presidente e Segretario della commissione giudici di gara Luigi Patrizi e Giuseppe Petrangeli, i direttori di corsa e di organizzazione Franco Costantino e Agildo Mascitti,  gli amici del ciclismo laziale e nazionale.

Redazione Sportiva
6 settembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook