Payet fa godere la Francia, 2-1 alla Romania

Payet fa godere la Francia, 2-1 alla Romania

Saint- Denis, Stade de France, 7 mesi dopo gli attentati che sconvolsero nazione ed Europa tutta. L’Europeo transalpino parte da qui. La passione ha vinto sulla paura, tifosi francesi e romeni si mischiano nei 3 step di controllo e riempiono lo stadio. La Francia parte con i favori del pronostico nel torneo, la squadra – nonostante le assenza di Varane, Sakho e Benzema – è forte in tutti i reparti e piena di talento. Deve dimostrarlo dall’esordio, contro c’è una Romania che nel girone di qualificazione ha incassato solamente due gol. I ragazzi di Iordanescu hanno corsa ed organizzazione, ai galletti bastano 90 secondi per rendersi conto che non sarà una passeggiata, con Lloris che salva miracolosamente sul colpo a botta sicura di Pintilii da azione d’angolo. Nel primo tempo Griezmann prende un palo, i bleus crescono alla distanza ma non danno mai l’impressione di riuscire a dominare. Nella ripresa Giroud trova la zuccata vincente commettendo fallo su Tatarusanu, Stancu pareggia i conti su rigore (generoso) e Payet, vero MVP del match, fa esplodere Saint Denis a un minuto dallo scadere con un mancino di rara bellezza che si insacca sotto l’incrocio.

Miracolo Lloris, Griezmann al palo

Pronti via, la Francia rischia subito di passare sotto: Pintilii arriva a colpo sicuro sull’invito da angolo di Stancu da calcio d’angolo ma spara su Lloris a pochi passi dalla linea di porta. Col passare dei minuti i bleus guadagnano campo, ma la Romania è altra e aggressiva. A metà frazione Griezmann non riesce ad impattare su assist di Sagna, sul rimpallo arriva di testa e colpisce il montante della traversa. Pogba è in ombra, Payet sembra l’unico in grado di creare qualcosa con i suoi strappi. Al 35’ Giroud riesce a smarcarsi su invito di Evra e di testa mette a lato di pochissimo; sempre lui, allo scadere, si libera sul corner di Payet e, sempre di testa, va vicino al vantaggio.

Capolavoro Payet

I primi minuti del secondo tempo seguono la traccia dell’inizio primo tempo: Romania in pressing e Francia che fatica a costruire gioco. Payet inizia a stazionare centralmente e diventa la fonte di gioco transalpina: al 55’ imbecca Giroud in area ma la girata dell’attaccante dell’Arsenal viene bloccata da Tatarusanu, due minuti dopo si beve la difesa romena e scodella morbido per Pogba: il destro del golden boy bianconero viene respinto in angolo dal portiere viola. E’ il preludio al gol. Cross dalla destra di Sagna, Tatarusanu in uscita sembra in vantaggio ma la palla finisce in porta dopo la spizzata di Giroud. C’era un fallo evidente. La Romania però non subisce il colpo e dopo appena 5 minuti trova il pareggio con il rigore regalato da Sagna e trasformato da Stanciu. I minuti passano, la Francia spinge ma non riesce a rendersi pericolosa. I romeni pregustano già il colpo, Deschamps medita su un esordio quasi flop, non fosse per il mancino di Payet: ad un minuto dallo scadere l’esterno del West Ham raccoglie il pallone sui 25 metri e lascia partire un mancino terrificante che toglie la ragnatela dall’incrocio. Finirà così, con una nazione ai piedi di uno considerato eterno inespresso fino a qualche mese fa.

Meritano 2duerighe

Payet. Inespresso fino ai 28 anni. Sembrava essersi perso anni fa, quest’anno una stagione da fenomeno con gli Hammers e ieri una prestazione da fenomeno. Finalmente.

Pogba. Fatica ad entrare in partita, se ne accorge ed è nervoso. Cresce nella ripresa, ma non arriva nemmeno alla sufficienza.

Tabellino

MARCATORI: Giroud (F) al 13′, Stancu (R) su rigore al 20′, Payet (F) al 44′ s.t.

FRANCIA (4-3-3): Lloris; Sagna, Rami, Koscielny, Evra; Pogba (dal 32′ s.t. Martial), Kanté, Matuidi; Griezmann (dal 21′ s.t. Coman), Giroud, Payet (dal 46′ s.t. Sissoko). (Mandanda, Costil, Mangala, Jallet, Umtiti, Digne, Cabaye, Gignac, Schneiderlin). C.t. Deschamps

ROMANIA (4-4-1-1): Tatarusanu; Sapunaru, Chiriches, Grigore, Rat; Popa (dal 37′ s.t. Torje), Hoban, Pintilii, Stancu; Stanciu (dal 27′ s.t. Chipciu); Andone (dal 16′ s.t. Alibec). (Pantilimon, Lung, Keseru, Matel, Moti, Gaman, Sanmartean, Prepelita, Filip). C.t. Iordanescu

ARBITRO: Kassai (Ungheria)

NOTE: ammoniti Chiriches (R), Rat (R), Giroud (F), Popa (R) per gioco scorretto.

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook