Basket Nba: dei super Lakers battono Golden State

Basket Nba: dei super Lakers battono Golden State

I Los Angeles Lakers battono i Golden State Warriors degli Splash Brothers. Russell, Randle e Clarkson guidano i gialloviola.

La regular season Nba non da oggi  regala risultati imprevisti, ma quello che è successo in questa notte Italiana allo Staples Center ha se non dell’incredibile, dell’inaspettato.

I Los Angeles Lakers hanno battuto i campioni in carica ed aspiranti a ”squadra con il miglior record in regular season della storia”. Si, proprio i Golden State Warrios di Steph Curry, la ”Dumb Nation”, la squadra più in forma dell’Nba in questo momento, proprio i Lakers di un Kobe Bryant prossimo al ritiro ed in condizioni fisiche quantomai precarie. Il risultato finale recita: 112-95.

La vittoria Lakers è stra-meritata ma giova ricordare che la sconfitta Warriors è stata anche figlia di una, insolita e disastrosa prestazione balistica degli ”Splash brothers”. Curry e Thompson hanno infatti collezionato un poco invidiabile 1/18 da tre punti. Strano vedere una statistica del genere associata a due che ci hanno abituato a ben altre percentuali. Se al dato relativo al tiro, aggiungiamo anche 11 palle perse ci rimarrà meno complesso comprendere questa sconfitta.

Tanto premesso sarebbe scorretto non dire che Los Angeles ha messo in campo una energia straordinaria. Tanta la tenacia mostrata da alcuni giovani come Russell (21pti), Randle (12 pti -14 rim) e Clarkson (25pti). Ma ancora più importante è stato il contributo di alcuni interpreti che non hanno avuto molto spazio fino ad ora nelle rotazioni. Huertas ad esempio ( 10pti-9ast) ha giocato una partita stupenda uscendo dalla panchina. Il brasiliano ha regalando alcuni di quei lampi di classe purissima che tanto avevano fatto saltare dalla sedia in passato i tifosi del Barcellona.

Nonostante tutte le postille e le parentesi che si possono aprire su questa partita c’è da dire che gli Warriors hanno mantenuto per quasi tutto il tempo della gara la doppia cifra di vantaggio. Il finale ha colto tutti di sorpresa, in primis gli Warriors, che si aspettavano una partita diversa al tiro e dei Lakers meno agguerriti. Data la combinazione degli eventi i campioni Nba non hanno potuto far altro che allargare le braccia e cedere ad un poco di sconforto al suono della sirena.

In conclusione gli Warriors con questa sconfitta sono a 55 – 6. Procedevano a vele spiegate verso il miglior record della stagione e forse della storia. Questa mini-frenata darà la sveglia o incrinerà le certezze dei ragazzi di Steve Kerr?

La regular season è ancora lunga.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook