Milano sbanca Treviso, Sassari batte Venezia ed è quarta

La Dinamo Sassari sconfigge la Reyer Venezia in una partita condotta dai sardi dall’inizio alla fine, ma risolta solo in un finale al cardiopalma. Partita importantissima per entrambe le squadre, ci sono in palio punti che possono risultare decisivi per la scalata playoff. L’inizio della partita è caratterizzato da tanti errori e pochi lampi: sulla schiacciata di Easley (7-4) il PalaSerradimigni esplode in un boato. La Dinamo sembra essere subito in partita e a 5’ si porta sul +5. Hosley è in giornata positiva.

Buona difesa della Dinamo, Venezia gioca a sprazzi e dopo 10’ la partita è sul 21-16. Il 5-0 della squadra veneta vuol dire 24-21. Reyer più intraprendente ma spesso timorosa in fase conclusiva. Easley decide di sobbarcarsi sulle spalle i suoi e porta la Dinamo a chiudere il secondo quarto sul punteggio di 41-30. Plisnic, con un tiro da tre, allunga le distanze (46-30). 

La reazione dell’Umana si concretizza in canestri dei lunghi, pochi falli e difesa morbida. Ma Plisnic sale in cattedra e dà il suo meglio al tiro ed a rimbalzo. Venezia prova a restare aggrappata al treno della partita con Slay e Fantoni. Il terzo quarto si chiude sul punteggio di 59-49. Venezia riesce a riportare lo svantaggio sotto la doppia cifra, ma una tripla di Travis Diener ristabilisce le distanze (62-50). L’Umana si rifà sotto con un break di 7-0, portandosi sul 64-57. Venezia acquisisce convinzione nei propri mezzi e con la tripla di Rosselli raggiunge un insperato -2 (66-64). Tripla di Szewczyk (70-69) e risposta in fotocopia di Hosley (+4). A questo punto la partita si fa in discesa per Sassari che ottiene una vittoria tanto meritata quanto importante. Il risultato finale è 81-74. 

Milano vince la settima partita consecutiva, che le consente di continuare a lottare per il secondo posto. Nonostante le prestazioni convincenti di Cook (mvp con 23 punti e 6 assist), Bourousis (22) e Gentile (13), i ragazzi di Scariolo fanno più fatica del solito contro un avversario, la Benetton Treviso, all’ultima gara al Palaverde con il marchio Benetton e vogliosa di chiudere in maniera positiva. Eppure per Milano sembra trattarsi fin da subito di una partita dall’esito scontato: Bourousis viene pescato spesso libero in area e firma i primi 10 punti della sua squadra. Treviso fatica all’inizio (0-6), ma poi rientra alla grande, con una difesa rocciosa e i punti di Ortner. Scariolo prova a ridare ordine alla sua squadra inserendo Giachetti.

Milano trova il proprio equilibrio e, grazie alla tripla di Gentile e ai liberi di Radosevic, chiude il primo quarto sul +9 Milano (19-28). La Benetton vacilla ma non crolla. Tenta di reagire con grinta e sembra riuscirci, ma appena prova ad avvicinarsi troppo, una tripla di Cook o un canestro di Bourousis (arrivato già a quota 20) ristabiliscono le distanze. La Benetton riesce a risalire fino a -4. Il secondo quarto si chiude sul 41-45. Si riprende e il gioco si fa nervoso. Cook ispira la manovra milanese, gestendo i cambi di ritmo con intelligenza e risultando importante anche in fase offensiva (5/8 da tre alla fine). Ma Treviso resta aggrappata alla partita: Viggiano e Mekel portano la Benetton sul 56-58 al 27’. Treviso può giocarsela negli ultimi 10 minuti (62-66). Milano a questo punto inizia a giocare con la testa e, grazie ad un contropiede di Mancinelli, si porta sul +8 al 34’. I veneti provano a ritornare in partita, ma ormai il divario è difficile da colmare. Milano vince a Treviso 84 a 76.

Questi i risultati della trentatreesima giornata di Lega A:

Teramo-Casale

85 – 77

 

02/05 20:45

Sassari-Venezia

81 – 74

 

02/05 20:45

Treviso-Milano

76 – 84

 

02/05 20:45

Avellino-Varese

78 – 77

 

02/05 20:45

Siena-Bologna

69 – 78

 

02/05 20:45

Pesaro-Roma

82 – 75

 

02/05 20:45

Biella-Caserta

88 – 84

 

02/05 20:45

Cantù-Montegranaro

81 – 63

 

02/05 20:45

La classifica:

P

Squadra

G

Vc

Pc

Fc

Sc

Vf

Pf

Ff

Sf

V

P

F

S

F-S

Pti

1

Montepaschi Siena

31

13

3

1346

1157

10

5

1180

1094

23

8

2526

2251

275

46

2

Bennet Cantu

31

14

2

1254

1090

7

8

1064

1081

21

10

2318

2171

147

42

3

EA7-Emporio Armani Milano

31

13

2

1216

1076

8

8

1219

1206

21

10

2435

2282

153

42

4

Scavolini Siviglia Pesaro

31

11

5

1237

1179

8

7

1104

1140

19

12

2341

2319

22

38

5

Canadian Solar Bologna

31

14

1

1165

1048

5

11

1183

1265

19

12

2348

2313

35

38

6

Banco di Sardegna Sassari

31

14

2

1326

1192

5

10

1160

1233

19

12

2486

2425

61

38

7

Umana Venezia

31

11

4

1151

1058

6

10

1234

1283

17

14

2385

2341

44

34

8

Cimberio Varese

31

11

4

1194

1109

5

11

1152

1198

16

15

2346

2307

39

32

9

Sidigas Avellino

31

10

6

1286

1250

4

11

1099

1266

14

17

2385

2516

-131

28

10

Vanoli-Braga Cremona

31

9

6

1149

1141

4

12

1116

1239

13

18

2265

2380

-115

26

11

Benetton Treviso

31

8

8

1168

1161

5

10

1153

1248

13

18

2321

2409

-88

26

12

Angelico Biella

31

9

7

1267

1239

4

11

1110

1167

13

18

2377

2406

-29

26

13

Acea Roma

32

7

9

1302

1301

6

10

1217

1301

13

19

2519

2602

-83

26

14

Otto Caserta

31

7

8

1188

1178

5

11

1222

1303

12

19

2410

2481

-71

24

15

Banca Tercas Teramo

31

9

7

1216

1197

3

12

1079

1208

12

19

2295

2405

-110

24

16

Fabi Shoes Montegranaro

31

9

6

1197

1158

3

13

1228

1317

12

19

2425

2475

-50

24

17

Novipiù Casale Monferrato

31

4

11

1136

1121

3

13

1135

1249

7

24

2271

2370

-99

14

Giuseppe Ferrara

3 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook