Basket, Lega A: l’Olimpia Milano non delude, Pistoia sconfitta 75-55

Basket, Lega A: l’Olimpia Milano non delude, Pistoia sconfitta 75-55

LucaBanchi_thumbNel posticipo della quarta giornata di Lega A di basket, l’Olimpia Milano vince agevolmente contro la neopromossa Giorgio Tesi Group Pistoia 75-55 e si mantiene in cima alla classifica del campionato, a quota sei punti. Al PalaDesio, “seconda casa” dei biancorossi, l’EA7 vince senza soffrire grazie ad un avvio di ripresa aggressivo e deciso, dopo un primo tempo trascorso tra errori in campo e sbadigli sugli spalti.

La formazione meneghina inizia a rilento (3-8 al 5′) e mette a referto solamente 3 punti nei primi cinque minuti, a causa soprattutto di una circolazione di palla deficitaria ed un Samuels con poca grinta sotto canestro. La superiorità tecnica dei biancorossi è però troppo netta: l’11-0 con cui viene ribaltato il punteggio ne è il segno tangibile. Johnson mantiene Pistoia a contatto dell’EA7, sfruttando anche un tecnico fischiato a Langford. La guardia dell’EA7 spara due triple senza centrare il bersaglio, ma appena decide di giocare come sa, piazza 7 punti in pochi minuti che lanciano la fuga milanese (33-24 al 20′). Gli ospiti non riescono più ad andare a canestro con continuità, soprattutto quando in campo non c’è il quintetto titolare.

Al rientro dagli spogliatoi, l’Olimpia mette al sicuro il risultato con un parziale di 12-2, portandosi a +19 (45-26 al 24′), grazie alle triple di Melli e Moss.
La gara praticamente può considerarsi già chiusa, sebbene la terna arbitrale faccia di tutto per movimentare la gara, fischiando antisportivi da una parte e dall’altra senza apparenti valide ragioni.
Alla fine, comunque, la sostanza non cambia: il +20 con cui si chiude il match è lo specchio della superiorità milanese vista in campo. In attesa della firma di Lawal, che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, l’Olimpia può guardare con serenità alla difficile sfida di Eurolega a Bamberg.

 

 
Giuseppe Ferrara
5 novembre 2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook