UIJJ: la nostra intervista a Dario Bacci

UIJJ: la nostra intervista a Dario Bacci

Il Brazilian Jiu Jitsu è un arte marziale che piano piano sta prendendo sempre più piede nella nostra penisola, con piacere oggi scambiamo due chiacchiere con Dario Bacci, presidente dell’UIJJ (Unione Italiana Jiu Jitsu).

Ciao Dario e benvenuto su 2duerighe.com, com’è nata la tua passione per quest’arte?
Ho praticato arti marziali dall’età di 12 anni, ora ne ho 43. Ho iniziato con il Kung Fu e il Sanda, poi la Boxe e un giorno mi sono imbattuto nel Jiu Jitsu Brasiliano, mentre vivevo a Londra. Spinto dalla curiosità di conoscere una nuova disciplina e anche dalla voglia di approfondire il chin na (lo stile di kung fu che praticavo, basato su leve e combattimento corpo a corpo) decisi di provare il bjj che sapevo essere particolarmente efficace nel corpo a corpo.

Rispetto ad altri sport di combattimento il BJJ fatica a trovare spazio sul largo pubblico, come mai?
se con largo pubblico si intende il pubblico televisivo è forse perché assistere ad un combattimento di bjj non è di grande spettacolarità e non è molto intuitivo, a volte potrebbe vincere inaspettatamente uno invece dell’altro e ci sono delle fasi statiche che potrebbero annoiare chi si aspetta colpi, azioni rapide e tecniche spettacolari.
tuttavia se con largo pubblico intendiamo una diffusione capillare della disciplina, come possa aver avuto ad esempio il judo, credo che il bjj sia cresciuto e continui a crescere a macchia d’olio e presto ne sentiremo parlare ovunque.

Hai avuto modo di andare ad allenarti più volte in Brasile, è un esperienza che consigli a tutti?
si lo consiglio eccome! Come anche per quando praticavo il kung fu, volli conoscere più che potevo anche della Cina, della cultura cinese e del mondo dietro alla disciplina, le radici e il contesto in cui era cresciuta.

Lo stesso per il bjj, col brasile ho imparato il portoghese e conosciuto un posto meraviglioso.
L’allenamento poi è molto competitivo, divertentissimo anche se faticoso e quanto mai autentico!

UIJJ: com’è nato questo progetto?

L’Unione Italiana Jiu Jitsu è nata grazie al Maestro Federico Tisi e al sottoscritto, con mandato conferito dalla IBJJF che ci ha affidato questo importante compito di regolamentare e sviluppare il bjj in Italia.

Conoscevo Federico già da anni e a seguito del mio ritorno in Italia abbiamo deciso di far partire questo progetto che Federico aveva già in cantiere ma che non si era ancora mai concretizzato. E’ così che nel 2011 è nata l’UIJJ con Federico Presidente ed io Vice Presidente.
Questi ruoli sono poi cambiati dopo circa un anno, con Federico Presidente Onorario ed io Presidente. L’obiettivo dell’UIJJ è quello di aiutare a rendere il bjj la disciplina più praticata al mondo.

Avrai tanti ricordi legati a quest’arte marziale, scegline uno al quale sei particolarmente legato.

Mi ricordo quanto stupore e motivazione mi lasciarono le parole che mi vennero dette alla mia prima lezione di bjj in Londra, presso il Carlson Gracie Team, con cui il mio amico Luca mi spiegò che “se vuoi prendere la cintura blu, devi lottare e battere tutte le cintura bianche”… “nessun esame, non devi pagare nessun passaggio, non devi imparare a memoria nessun nome o forma”. Questa formula mi dava il senso di una cosa molto vera, legata unicamente a ciò che funziona sul campo e null’altro. Questo fu uno dei primi principi che mi fece innamorare del bjj.

Un altro progetto al quale sei legato e il “Budo Clan”, come è nata quest’avventura?
Budo Clan è il mio Team di bjj. Come per molti praticanti ed insegnanti di bjj, quando in Italia eravamo circa una decina di persone ad avere la cintura nera, c’era la necessità di unirsi con altri per poter praticare il più possibile, così sono nati molti gruppi che oggi sono dei Team molto grandi. Budo Clan è nato da me nel 2010 ed oggi conta circa venti sedi con diverse centinaia di praticanti. Il nostro quartier generale è in Roma presso una fantastica struttura che è l’Heaven Fight Arena.

A chi sconsigli il BJJ?
Non lo sconsiglio veramente a nessuno.

Posso sconsigliarlo solo a chi non voglia comprendere meglio il proprio corpo, chi non voglia confrontarsi con i propri limiti fisici e mentali ed abbatterli, a chi non voglia acquisire grande efficacia in un combattimento o nella difesa personale, a chi – in una parola – non voglia imparare.
Sono anche Arbitro Internazionale ed ho assistito a lotte davvero entusiasmanti condotte da atleti diversamente abili i quali, senza alterare il regolamento, hanno vinto combattimenti a livelli davvero alti. Atleti non vedenti o senza una gamba sono riusciti a dominare avversari normo-dotati, senza cambiare nulla al regolamento, grazie alla loro astuzia e preparazione.

Questo mi ha confermato quanto questa disciplina sia incredibilmente meritocratica, quanto si basi su principi concreti e non su convenzioni stabilite in modo dissociato dalla realtà.

Ultima domanda prima dei saluti: prossimi eventi UIJJ in calendario?

Domenica 28 Gennaio
MEDITERRANEO JIU JITSU CUP, Potenza – https://www.bjjmediterraneocup.it/

Domenica 11 Febbraio
JUNIOR ITALIAN OPEN (Parma, Campionato Italiano Ufficiale Giovanile) – http://jiobjj.blogspot.it

Sabato 24 e Domenica 25

TORINO JIU JITSU CHALLENGE (Torino) http://www.torinojjchallenge.org

Sabato 17

PISTOIA JIU JITSU CHALLENGE GI e NO-GI (Pistoia) – http://www.pistoiabjjchallenge.com

Venerdì 23, Sabato 24, Domenica 25 Marzo 2018

EUROPEAN NO-GI CHAMPIONSHIP (Campionato Europeo NO-GI Uff.le IBJJF)

ROME IBJJF INTERNATIONAL OPEN (Roma, CON GI) www.ibjjf.org
(+ giovedì 22, Corso Arbitro UIJJ)

Sabato 28 Aprile
MILANO SPRING JIU JITSU CHALLENGE (Milano) www.milanochallenge.it


Domenica 20 Maggio

NAPOLI JIU JITSU CHALLENGE GI e NO-GI (Napoli) – http://www.naplesinternationalopen.it
(+ sabato 19, Corso Arbitro UIJJ)

Sabato 16 e Domenica 17 Giugno

ITALIAN BJJ OPEN GI e NO-GI (Campionato Italiano Ufficiale UIJJ, Firenze)

http://www.bjjopen.com – https://www.facebook.com/bjjopen (+ venerdì 15, Corso Arbitro UIJJ o IBJJF)

Grazie mille per la disponibilità.

Grazie a te per l’opportunità, a presto!

27 dicembre 2017

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook