La Juve continua a volare, 2-0 all’Atalanta

La Juve continua a volare, 2-0 all’Atalanta

Due squadre che stanno vivendo momenti di forma diametralmente opposti si affrontano a Bergamo: la Juventus, reduce dai 120 minuti di Coppa Italia e capace di vincere diciassette delle ultime diciotto partite, e l’Atalanta che da tredici gare è a secco di vittorie.
Reja prova a giocarsela con due punte (Borriello e il giovanissimo Monachello al posto dell’infortunato Pinilla), mentre Allegri, orfano di Chiellini, sceglie Evra al posto di Alex Sandro sulla sinistra e posiziona Pereyra dietro a Dybala e Mandzukic.
L’Atalanta non punge praticamente mai, Buffon termina la gara senza mai correre pericoli e la Juventus, grazie alle reti di Barzagli e Lemina, continua la sua marcia trionfale e tiene a distanza il Napoli e la Roma.

L’eterno Barzagli – La prima frazione di gara è praticamente un lungo assolo bianconero: gli uomini di Allegri ci provano subito con Khedira che si trova da solo in area ma la sua conclusione è parata da uno Sportiello eccezionale. In campo c’è solo la Juventus che al 24′ trova la rete del vantaggio: sugli sviluppi di un corner Mandzukic schiaccia la palla a terra di testa e Barzagli è il più veloce ad arrivarci a due passi dalla porta. Sportiello non può farci nulla ed è 1-0 per gli ospiti.
Nel finale si fa vedere l’Atalanta che approfitta di una ripartenza con Borriello che crossa in area dove De Roon in acrobazia impegna Buffon.

Magia di Lemina – Nella ripresa il copione non cambia e la Juventus va subito vicina al raddoppio: Sportiello cerca un dribbling su Mandzukic che però è bravo a recuperare il pallone e a concludere a rete ma Toloi salva l’Atalanta quasi sulla linea di porta.
Per i padroni di casa l’occasione più importante arriva proprio da Toloi che per pochi centimetri non colpisce un pallone crossato da Diamanti a un passo dalla porta di Buffon.
Nel finale arriva la rete che chiude la gara con Lemina che fa tutto da solo: doppio passo su Paletta, dribbling secco su Toloi e conclusione di esterno dal limite dell’area che beffa Sportiello. 2-0 per la Juventus e partita messa in cassaforte.
L’ultimo brivido è per Buffon che devia in corner una conclusione rasoterra insidiosa di Masiello dalla media distanza.

Meritano 2duerighe:
Barzagli e Lemina: i due autori dei gol sono anche il simbolo della forza di questa squadra. L’eterno difensore e la giovane promessa: quando mancano le reti delle punte arrivano i gol degli altri giocatori. Una Juve così può andare a Monaco senza paura.

Monachello: sarà la giovane età, sarà l’inesperienza, ma la punta non graffia e non incide praticamente mai. Chiuso tra Barzagli e Bonucci non è mai pericoloso, tanto impegno ma zero conclusioni: troppo poco per sperare in un posto da titolare alla corte di Reja.

Tabellino
ATALANTA – JUVENTUS 0-2

Atalanta (3-5-2): Sportiello, Toloi, Masiello, Paletta, Conti (54′ D’Alessandro), Kurtic, De Roon, Cigarini (76′ Diamanti), Dramè, Monachello (66′ Raimondi), Borriello. All. Reja.

Juventus (4-3-1-2): Buffon, Lichsteiner, Bonucci, Barzagli, Evra, Khedira (68′ Lemina), Marchisio, Pogba, Pereyra (81′ Alex Sandro), Dybala (88′ Morata), Mandzukic. All. Allegri.

Marcatori: 24′ Barzagli, 86′ Lemina (J)

Ammoniti: Cigarini, Paletta, Toloi (A), Pogba, Marchisio (J)

Andrea Speziale

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook