Kazan 2015: Australia battuta, Setterosa di bronzo!

Kazan 2015: Australia battuta, Setterosa di bronzo!

Le azzurre della pallanuoto sconfiggono le australiane ai rigori e trovano una medaglia che mancava da dodici anni, per l’oro Usa batte Olanda 5-4. Nel nuoto ottima prova per Marco Orsi che centra la finale dei 50 sl, oggi al via le batterie dei 1500 con Paltrinieri che può sognare qualcosa di grande.

 Kazan 2015 Setterosa di bronzoSempre i rigori, come in semifinale, ma questa volta l’esito è ben diverso e le ragazze del Setterosa possono gioire per una medaglia che, almeno in parte, cancella la delusione della partita con l’Olanda. Il match comincia male e l’incubo di un inizio ad handicap come nella semifinale è più che un’ipotesi, ma il provvidenziale time-out di Campagna sprona le azzurre che si portano in vantaggio per 3-2 grazie alle reti di Bianconi, Garibotti e Aiello. Si prosegue colpo a colpo con l’Italia che si aggrappa alle prodezze della veterana Tania Di Mario. L’ultimo quarto comincia sul 5-5 ma le australiane si riportano subito in vantaggio per ben due volte. Per il sei pari è ancora la Di Mario a rispondere mentre Aiello trova il definitivo 7-7. Si va ancora una volta  alla lotteria dei rigori ma in questo caso le azzurre sono fredde e non sbagliano mai. E nel momento giusto sbaglia invece l’australiana Buckling che si fa ipnotizzare da Laura Teani. La gioia per questa medaglia meritata esplode tra le azzurre che tornano sul quel podio mondiale che mancava da Barcellona 2003, questa volta condiviso con le statunitensi, battute dall’Italia nel girone eliminatorio, e le olandesi. Questa sera in vasca i ragazzi del Settebello che cercheranno di emulare le colleghe donne nella finale per il bronzo contro la Grecia. Il titolo mondiale verrà assegnato al termine della sfida tra la Serbia, giustiziera degli azzurri in semifinale, e la Croazia.

Nel nuoto in corsia invece attesa soprattutto per Marco Orsi che si proverà a dire la sua nella finale dei 50 sl per la quale si è qualificato con il quarto tempo. Attesa anche per Gregorio Paltrinieri che scenderà in vasca per nuotare le batterie della sua gara preferita, i 1500 sl in cui sarà chiamato a difendere il bronzo di due anni fa. L’atleta di Carpi, già argento negli 800 sl e unica speranza di medaglia verosimilmente rimasta alla nazionale azzurra, dovrà  sicuramente battagliare non poco per trovare spazio in questa gara in cui il cinese Sun si presenta come l’uomo da battere.

Lorenzo Vailati
8 agosto 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook