A Parigi si rialza il sipario de24 maggio è iniziato il l grande tennis: la terra rossa più celebre del mondo è pronta a dar spettacolo

A Parigi si rialza il sipario de24 maggio è iniziato il l grande tennis: la terra rossa più celebre del mondo è pronta a dar spettacolo

 Rolland GarrosDomenica 24 maggio è iniziato il Roland Garros, classico appuntamento del Grande Slam. La terra rossa parigina torna ad ardere in attesa di eleggere i nuovi campioni: al maschile si preannuncia la consueta sfida tra i Fab Four mentre tra le donne le favorite sembrano le solite Serena e Sharapova, con Halep (e Suarez Navarro?) pronta al colpaccio.

È cominciato come di consueto il torneo tennistico su terra rossa più famoso del mondo. Tra due settimane sapremo chi sarà a trionfare in questa kermesse sportiva  giunta ormai alla 114a edizione senza però perdere il suo appeal e la sua fama. Il pubblico parigino e gli appassionati di tennis di tutto il mondo intanto non attendono altro che divertirsi e rifarsi gli occhi con i grandi match che da qui alle finali del 6 e 7 giugno li accompagneranno. Un piccolo ma ricco antipasto ci ha già deliziato con tutti gli scontri del primo turno dei singolari maschili e femminili terminati ieri già con qualche risultato non proprio atteso.

In campo maschile i super favoriti Djokovic (in cerca ancora della vittoria di questo torneo, l’unico del Grande Slam che gli manca) e Nadal (in cerca invece della decima vittoria a Parigi) si sono sbarazzati senza troppi patemi rispettivamente del finlandese Nieminen e del giovane francese Halys.  Il grande Roger Federer si ha avuto la meglio sul colombiano Falla accedendo così al secondo turno così come Andy Murray, testa di serie numero 3, che non ha avuto problemi con l’argentino Arguello. Quasi nessuno degli outsider ha dovuto abbandonare Parigi: il connazionale di “sua Maestà” Federer, lo svizzero Wawrinka, ha avuto la meglio sul turco Ilhan, David Ferrer ha lasciato solo le briciole al malcapitato Lacko e l’ormai non più soprendente Nishikori  ha superato Mathieu. Il ceco Berdych ha invece fatto fuori l’altro giapponese Nishioka mentre il beniamino di casa Gael Monfils ha eliminato al quarto set il connazionale Roger-Vasselin. Ma la notizia di giornata è certamente l’eliminazione in soli tre set del bulgaro Dimitrov, testa di serie numero 10, battuto però dall’ americano Sock, numero 36 del ranking mondiale e giovane di grande prospettiva.

Anche in campo femminile le soprese non sono mancate: Venus Williams, anche se lontana parente delle tennista dominatrice di una decina di anni fa, ha già salutato la terra di Parigi, sconfitta per 76 61 dalla insidiosa connazionale Stephens, mentre la polacca Radwanska, sempre più in calo dopo un lungo periodo alla testa del tennis mondiale, si è vista superata dalla tedesca Beck con il risultato di 62 36 61. Eliminata a sorpresa anche la giovane canadese Bouchard battuta dall’atleta di casa Mladenovic in soli due set. Nessun problema invece per le favorite Serena Williams e Marija Sharapova, vittoriose rispettivamente sulla ceca Hlavackova e sull’estone Kaia Kanepi, e per le altre possibili pretendenti al titolo: La rumena Halep, finalista l’anno scorso, ha vinto sulla russa Rodina, la spagnola Suarez Navarro, finalista la scorsa settimana al torneo di Roma, ha avuto la meglio sulla Niculescu, la danese Woznizck ha letteralmente asfaltato la nostra Karin Knapp, mentre la campionessa in carica di Wimbledon, la ceca Kvitova, ha faticato più del previsto contro la neozelandese Erakovic sconfitta solo al terzo set.

Risultati dolci-amari per quanto riguarda invece i colori azzurri. In campo femminile, dopo anni in cui il tennis italiano aveva sempre fornito ottime prestazioni cominciate con la storica vittoria del 2010 di Francesca Schiavone, sembra mancare l’atleta capace di giungere alle fasi finali del torneo. Tuttavia Pennetta, Errani e Giorgi hanno superato brillantemente il primo turno e possono ancora dire la loro. La bella brindisina, poco amante della terra rossa, ha superato in tre set la polacca Linette, e ora la attende l’insidiosa slovacca Rybarikova; Sarita, come è chiamata affettuosamente dai suoi tifosi, ha vinto contro l’americana Riske dopo aver perso il primo set e la giovane Camila Giorgi ha invece eliminato la tedesca Tatjana Maria ed è ora attesa al secondo turno da un difficile scontro con la spagnola Muguruza, capace l’anno passato di estromettere niente meno che Serena Williams. Anche Francesca Schiavone ha superato il primo turno sconfiggendo in rimonta la cinese Wang mentre salutano subito la terra rossa di Parigi Roberta Vinci, sconfitta dalla francese Cornet, e Karin Knapp poco fortunata nel sorteggio. Tra gli uomini Fabio Fognini ha superato facilmente il giapponese Ito, Bolelli ha fornito una prova convincente contro il belga Darcis e Arnaboldi si è davvero superato sconfiggendo al quinto l’australiano Duckworth che lo precede di circa 100 posizioni nel ranking mondiale. Eliminati invece Andreas Seppi, sconfitto dalla testa di serie numero 16, Joan Isner, e Luca Vanni estromesso invece dal ben più forte australiano Tomic. Rimandato invece per oscurità il match tra Paolo Lorenzi e il lussemburghese Muller sospeso in attesa di giocare il quinto e decisivo set.

Da oggi al via il secondo turno con alcuni scontri interessanti: il giapponese Nishikori, testa di serie numero 5, affronta il brasiliano Bellucci, buon interprete della terra rossa; interessanti poi il derby spagnolo tra Rafa Nadal e Almagro e lo scontro tra il nostro Fabio Fognini e il francese Paire. In campo femminile paiono degni di nota gli scontri tra la giovane stella svizzera Belinda Bencic e l’americana Keys e i match delle  nostre portacolori Pennetta e Giorgi.  Questi invece gli altri scontri che coinvolgono gli italiani: Bolelli-Troicki, Arnaboldi-Cilic (numero 9 del seeding), Errani-Witthoeft e Schiavone-Kutzenetsova per un match da nostalgici tra due vecchie vincitrici del Roland Garros.

La festa a Parigi è appena cominciata, ma le soprese e lo spettacolo non sembrano mancare…

Lorenzo Vailati
27 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook