Campionati Italiani di Varese a La Schiranna: dal Circolo Canottieri Aniene i vincitori Pararowing nelle Categorie PR3 4con e PR Singolo

Campionati Italiani di Varese a La Schiranna: dal Circolo Canottieri Aniene i vincitori Pararowing nelle Categorie PR3 4con e PR Singolo

A dispetto delle difficoltà per allenamenti e gare dovute all’emergenza sanitaria in corso, il canottaggio le affronta e supera con la passione che da sempre anima questo sport, chi lo pratica, chi lo segue. Con questo spirito e nel pieno rispetto di tutti i protocolli di sicurezza si sono tenuti a Varese, sul campo gara internazionale de La Schiranna, i Campionati italiani. Quattro giornate, da giovedì 15 ottobre a Domenica 18 ottobre 2020, che hanno dato spazio a quasi tutte le categorie remiere: Ragazzi, Senior, Esordienti, Junior, Under23, Pl e Pararowing.

Proprio nella categoria del Pararowing Domenica 18 ottobre si sono registrati due ottimi risultati per gli atleti dei Circolo Canottieri Aniene, allenati da Riccardo Dezi, Direttore Tecnico del settore Pararowing del Circolo Canottieri Aniene, allenatore dell’equipaggio societario PR3 vincitore della medaglia di bronzo ai Campionato Mondiali del 2017 a Sarasota.

Si è infatti laureato Campione d’Italia, nella Categoria PR3 4 con, l’equipaggio Aniene timonato da Filippo Vacchio e composto da Tommaso Schettino n.1, Luca Agoletto n.2, Lucilla Agliotti n. 3 e Adriana Tavani n. 4, al termine di una gara intensa che ha visto l’equipaggio registrare un ottimo tempo, a livello di risultati internazionali. 

Campione d’Italia a La Schiranna anche Daniele Stefanoni, sempre del Circolo Canottieri Aniene, nella Categoria PR Singolo, atleta già Medaglia di Bronzo 2018 e 2019.

Fondamentale ancora una volta per il raggiungimento di questo importante traguardo per il Circolo Aniene, gli Aleti e il loro Allenatore, il contributo della Fondazione Terzo-Pilastro Internazionale, che con il suo Presidente, Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele, supporta con convinzione e generosità attività legate allo Sport, soprattutto quando contribuiscono alla diffusione e al radicamento dei valori dell’inclusione, della solidarietà, del benessere condiviso.

Fonte: canottaggio.org.
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook