Roma – Cagliari 3-0: quando le motivazioni contano

Roma – Cagliari 3-0: quando le motivazioni contano

La Roma vince meritatamente contro un Cagliari in formato estivo e continua la sua corsa all’ultimo posto disponibile per la qualificazione in Champions League. Le tre reti giallorosse risultano fin troppo esigue per quanto visto durante i 90 minuti regolamentari, alla luce delle mille occasioni da rete dei padroni di casa e lo scarso impiego di Mirante, autore di due interventi in tutto il match.

 

Le motivazioni a questo punto della stagione contano, e la salvezza praticamente raggiunta dal Cagliari ha sicuramente pesato nell’atteggiamento della squadra ospite, apparsa scarica e quasi sopraffatta dalla voglia della squadra di Ranieri nel voler portare a casa i tre punti.

 

Nemmeno il tempo di iniziare che la Roma passa in vantaggio grazie a Federico Fazio, che di testa colpisce il palo interno prima che la palla superi di almeno mezzo metro la linea di porta; inutile l’intervento prodigioso in extremis di Cragno.

Passano tre minuti ed è il Flaco Pastore, schierato per necessità da Ranieri, a trovare la rete del raddoppio grazie ad un piazzato dal limite dell’area di rigore. Pastore sarà uno dei migliori del primo tempo, rivitalizzato dalla fiducia riposta in lui dall’allenatore. Con il passare dei minuti la Roma, pur mantenendo la verve di inizio partita, lascia un po’ di spazio al Cagliari che prova a farsi vedere dalle parti di Mirante, con scarso successo.

 

La ripresa è un monologo giallorosso dall’inizio alla fine: la ricerca del 3-0 diventa quasi un’ossessione per quanti tentativi vengono falliti dai padroni di casa, che trovano il tris solamente nel finale e dopo almeno 6 occasioni da rete: è Kolarov, all’ottavo centro stagionale in campionato, a chiudere definitivamente i conti e a consentire alla Roma di continuare a sperare in un quarto posto che, solo qualche settimana fa, sembrava pura utopia. I giallorossi nelle ultime 4 partite hanno raccolto 3 vittorie e un pareggio, subendo solamente la rete di Perisic nell’ultima trasferta contro l’Inter.

 

 

Meritano 2 righe:

 

  • Kluivert: la cura Ranieri funziona anche con lui. Meno fronzoli, più praticità.
  • Luca Pellegrini: il giovanotto tesserato con la Roma le prova tutte per mettersi in mostra ma sbaglia troppo.

 

 

Jacopo Trevisani

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook