10.000 persone per la XXa edizione de “La Corsa di Miguel”

10.000 persone per la XXa edizione de “La Corsa di Miguel”

Nella gara competitiva vittoria per El Otmani  e Soufyane del C.S. Esercito

Si è svolta oggi nei pressi del complesso del foro italico la XXa edizione de “la Corsa di Miguel”. Nonostante il maltempo il popolo dei runners non si è tirato indietro, facendo registrare quasi 10.000 presenze fra gara competitiva e non competitiva.

La corsa, giunta ormai alla 20esima edizione, è organizzata dal giornalista Valerio Piccioni, UISP e Club Atletico Centrale per commemorare il podista-attivista Miguel Sanchez, argentino scomparso nel 1978 durante la dittatura di Videla insieme ad altri 30.000 desaparecidos.

                                       Valerio Piccioni

Dal punto di vista agonistico, per gli uomini, vittoria di Said El Otmani del C.S. Esercito con 30:11. A seguirlo, sul rettilineo dell’Olimpico, Michele Fontana del C.S. Aeronautica  con 30:17 e Luca Parisi dell’Acsi Campidoglio Palatino con un tempo di 30:20. Per le donne vittoria schiacciante di Laila Soufyane (33:44) che ha preceduto di oltre 1 minuto Costanza Arpinelli (34:47). Terzo posto per Beatrice Mallozzi (35:11).

Tanti i personaggi che hanno partecipato alla corsa, in primis il presidente del CONI Malagò che ha corso inisieme al gruppo “Brigata Roma”. Riconfermata anche quest’anno la presenza dei campioni olimpici Massimiliano Rosolino e Alessandra Sensini che hanno corso rispettivamente in 44:19 e 55:53. Il pluri maratoneta Giorgio Calcaterra ha fermato il cronometro a 34:52. Con il pettorale numero 1 ha corso, anche quest’anno, Martin Sharples, atleta paralimpico ed amico di Miguel Sanchez che con l’aiuto di una protesi ha corso in 1:18:32.

A seguire si è svolta la “Strantirazzismo”, stracittadina di 3km non competitiva a cui hanno preso parte i ragazzi delle scuole di Roma, il sindaco del comune di Castelnuovo di Porto Riccardo Travaglini ed i ragazzi che alloggiano nel Centro di accoglienza per richiedenti asilo, l’associazione articolo 21 e la Rete NoBavaglio.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook