Fumata bianca dalla Capitale: habemus Sindaco! Che ne dice il piccione di Marc’Aurelio?

Fumata bianca dalla Capitale: habemus Sindaco!  Che ne dice il piccione di Marc’Aurelio?
Virginia Raggi

“Habemus sindaco, anzi sindachessa: Et etiam bona est !” è stato il primo commento in latinorum del piccione amico di Marc’Aurelio quando ha saputo che, a salire la scalinata del Campidoglio, sarà la ‘virginea’ sacerdotessa, colei che, dopo 2769 anni ab urbe condita, è la prima donna cui viene affidata la guida dei sette colli.

“Per essere una sacerdotessa mi sembra un po’ gracile” obietta l’imperatore, abituato alle forme giunoniche dei suoi tempi”.

“Cosa ne sai tu, incollato da secoli su questo cavallo, delle donne del Duemila che fanno le diete vegane nutrendosi a germi di soia… ” – ribatte il suo saccente interlocutore.

capitale

Già, è lui. E’ il piccione viaggiatore referente di Marc’Aurelio, il piccione ‘im-piccione’, quello più informato, quello che tutto sa, tutto vede nei suoi voli sui tetti più segreti della Caput Mundi. E ne ha viste di cose in questi ultimi anni, cose che superano l’umano peggio che in “Blade Runner”.

“Raccontami di questa Virginia Raggi. Chi è? Che sa fare questa nuova matriarca? Non vedo sulla sua testa corone di alloro…” – chiede ansioso Marc’Aurelio al suo assistente.

“Ecco, – spiega l’amico – lei è quello che ai tuoi tempi si chiamava “causidicus” o “advocatus” e proviene dal Movimento Cinque Stelle”.

“Movimento de’ che ?… Co’ tutte le stelle che brilleno sur’ cielo de’Roma perché loro ce n’hanno solo cinque?” – chiede l’imperatore ancor più incuriosito sfoderando il dialetto della sua romanità.

capitale
Casaleggio e Grillo

“Vedi, – spiega il pennuto – è un movimento nato come movimento d’opinione da contrapporre alla partitocrazia e con lo scopo di restituire la sovranità ai cittadini. Nasce dalle arringhe nelle piazze del comico Beppe Grillo, ma dietro c’era la mente del suo guru, Gianroberto Casaleggio, un uomo d’eccezione che purtroppo ci ha lasciato di recente. Le 5 stelle stanno a rappresentare i cinque concetti basilari della filosofia programmatica del Movimento e cioè Ambiente, Acqua, Sviluppo, Connettività e Trasporti. La gente sfiduciata – continua il volatile – si è ormai allontanata dalla politica e quei pochi che sono andati a votare per i nuovi sindaci non hanno avuto troppa scelta. Per i 5 Stelle sarà come la prova del nove, devono far vedere cosa sono capaci di fare. Questo è stato il ragionamento della gente, specie di quel ceto medio ormai proletarizzato dalla crisi e che vuole il cambiamento”.

“Però poi – aggiunge il piccione – non saranno troppo giovani ‘sti ragazzi per aggiustare le cose a Roma?”.

“Macchè… aggiornati tu con la storia! – risponde Marc’Aurelio – Non sai che Alessandro Magno in 33 anni di vita è stato uno dei più grandi conquistatori e strateghi della storia? …… e Gesù Cristo che in 33 anni ha rivoluzionato il mondo… dove lo metti?”.

“Già, ma dove li trovi più uomini di una volta come il Macedone? – obietta l’altro – Mi vai a parlare poi di Gesù che era in filo diretto con Qualcuno assai in alto e a Roma ci vorrebbe proprio lo Spirito Santo!”.

“Ma, in definitiva, pensi che questa Virginia – incalza l’imperatore – sarà all’altezza della situazione?”.

“Mah… Potrebbe trattarsi soltanto di un prestanome, come invece potrebbe rivelarsi quella giusta, una col testosterone. Oh, ne avrà di gente intorno pronta a tirarle la tunica di qua e di là. Pardon, volevo dire i pantaloni… Ora che è stata eletta, – informa il bipede alato – tutti si calano le mutande e si dichiarano disposti a collaborare per il governo della città. I partiti, se non si ‘connettono’, non hanno più voce di per sé, disgregati come sono all’interno da beghe e polemiche”.

“Ma… – fa l’imperatore preso da alcuni dubbi – non mi avevi detto tu stesso ultimamente che questa dulcis puella aveva dei precedenti professionali che nulla avevano a che fare con la trasparenza tanto decantata dai pentastellati?”.

“Eh, troppe ne hanno dette in campagna elettorale! – risponde il piccione elusivo. “ Ma la gente ha la memoria corta, dovresti saperlo. Ha già dimenticato la faccenda dei sindaci 5 Stelle indagati per abuso d’ufficio in mezza Italia”.

“Allora il mondo non è proprio cambiato di una virgola in tanti secoli…. Gli uomini dimenticano o fanno finta di dimenticare e tutto per puro opportunismo” fa sconsolato Marc’Aurelio cercando di scuotere invano la testa di bronzo”.

“Dovevano fare antipolitica e finiscono per essere un partito vero e proprio!. – conferma il pennuto – Ci capisci qualcosa?“.

“No.” – ammette la statua

“Nemmeno io“ conclude il colombo. “Comunque, stiamo a vedere cosa combineranno in cinque anni, poiché cinque anni ce li dobbiamo tenere… Sempre ‘sto numero 5 che ritorna. Lo sai che nella Cabala il numero 5, non a caso, significa Cambiamento?”.

E va a farsi una giro sui tetti della Capitale in cerca di notizie dell’ultim’ora, mentre un improvviso scroscio di pioggia provvede a lavare dalla spalla di Marc’Aurelio tutti i “ricordini” lasciati da quel suo solerte e impertinente messaggero.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook