GABRIEL GARKO: quel silicone bugiardo

GABRIEL GARKO: quel silicone bugiardo

 GarkoNoi giornalisti siamo dei cattivoni. Gabriel Garko ci è stato assai male dopo la sua comparsa all’ “Arena” di Giletti di domenica 3 maggio, quando la stampa ha riportato il suo volto stranamente “gonfiato”. Ma noi non vogliamo far soffrire “il più bello d’Italia” , mettendo in primo piano una delle sue immagini più intense e significative.

Ma ci è d’obbligo, per una qualche solidarietà con i colleghi della stampa ritenuta troppo malevola nei suoi confronti, riprodurre qui sotto le foto “incriminate”, se non altro per il giudizio dei lettori. Pare, secondo Garko, che le foto siano state eseguite da un’ angolazione sbagliata e priva dei necessari requisiti tecnici, tanto da mettere in risalto quel particolare gonfiore causato da una certa “ ritenzione idrica.” di cui sembra soffra l’attore. E’ vero, la tv ingrassa, stravolge, specie quando capita una giornata negativa. Infatti, vedendo le foto che hanno fatto il giro del web, ci siamo chiesti se la Garko1discesa degli extraterrestri avrebbe creato tanto sensazionalismo. E’ lui o non è lui?

“ Est, est, est ”, ci dicemmo, come quel vino buono e genuino di Montefiascone che la chirurgia estetica era stata capace di adulterare. Dov’è finito il macho, il maschio grintoso?
L’immagine poneva in tutta evidenza il “ miracolo degli zigomi ” con un bel viso da pupattolone, la simil-foto di un qualsiasi ragazzotto sfrangettato alle prime armi nello show-biz. Eppure, chi lo ha incontrato alcuni giorni dopo giura di aver visto il fascinoso Gabriel di sempre. La domanda sorge spontanea : ci si può gonfiare e sgonfiare nel giro di pochi giorni? Certamente. La medicina lo fa con i diuretici, la chirurgia plastica con un veloce ritocco di… recupero.

Ora Gabriel torna all’attacco per restituire la sua verità, mostrandosi sempre alla trasmissione di Giletti di oggi 10 maggio con questo VIDEO.

Garko2

Perché, perché Gabriel, ti volevi s-facciare, gettare alle ortiche i tuoi onorevoli 40 anni, quei bei quarant’anni che segnano l’inizio di una nuova esistenza? A quarant’ anni l’uomo, o donna che sia, acquista quel nonsochè di diverso, una pienezza fisica e una consapevolezza che manca a trenta e a venti. C’è poi quello che anche a quaranta, cinquanta e ben oltre, rimane l’eterno Peter Pan. Che non sia il caso di Gabriel?

Non è cattiveria gratuita, ma orgoglio italiano che intende difendere la bellezza … del suo patrimonio artistico, unico al mondo ! Viva un Gabriel Garko con qualche capello bianco e qualche piccola ruga intorno agli occhi, un attore che voglia tendere alla crescita delle sue indubbie capacità professionali e non dei suoi muscoli facciali.

Ci resta un solo cruccio. Peccato che quella stessa “ritenzione idrica” di cui soffre la maggior parte di noi donne non produca lo stesso effetto miracolistico di farci rimpolpare gli zigomi… sine iniuria verbis.

Angela Grazia Arcuri
11 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook