DA FORMIGONI ALLO SCOOP FALLITO

Brevinews:una notizia, un commento.

Vacanze di Natale – Quoque tu, buon Formigone…!  Non ci sembra vero e non vogliamo crederci fino a prova certa. Anche tu avresti ceduto alle blandizie delle cattive compagnie, contravvenendo ai tuoi principi di Ciellino ammodo? Anche tu ti saresti perso per soli ottomila euro, poca  cosa, il costo di un volo Roma-Parigi per una composta e morigerata comitiva  natalizia in visita a Notre Dame e al  Sacre Coeur? Quel faccendiere di  Daccò non dovevi  frequentarlo, hai visto che fine ha fatto, arrestato per i fondi neri nello scandalo del San Raffaele?
La mosca che gira intorno al miele  va a finire che ci resta invischiata. Be careful! Non cedere ai cattivi maestri: per la tua libertà interiore meglio gli esercizi spirituali  di Comunione e Liberazione…

Ruby, mamma Rubacuori – E’  ricomparsa agli onori della cronaca come testimone al  processo che vede nuovamente  l’ex Premier alla ribalta per il  suo “desculpami”. Ora  la reginetta dell’harem, tolto il trucco al kajal  e nascoste le poppe al vento dei desideri,  si è ricomposta in versione “mamàn”, sposata già a fine 2011  con un imprenditore genovese quarantenne (a Miami), che le ha restituito la sua verginità, che ha saputo comprenderla, capirla a fondo…portandosela a casa con la sua solitudine di  ragazza girovaga  e  il suo  fazzoletto annodato pieno di monetine….  Le favole belle possono ancora accadere.
 Quante ragazze, quelle che faticano a trovare marito e un posto di lavoro,  si morderanno i gomiti  per non essersi reclutate anch’esse tra le olgettine.
    Di tutta la faccenda, resta una riga di poesia, una bella bimba di nome Sofia Aida,… “nipote di Mubarak”, per dirla con Crozza!  Di fronte a una nuova vita, un solo commento:  anche sul Monte dei Cocci può nascere una margherita!

L’elenco degli onesti –  Nelle scuole di  giornalismo  insegnano che non fa notizia  “il  cane che morde il padrone”  ma  il suo contrario.  Così che, visti i continui  elenchi  di nominativi che girano sui media ad informarci  puntualmente  sui  “peccati pubblici  degli Italiani”,  diventati di una noia mortale,  si era pensato  di redigere “l’ elenco dei  politici  onesti”. 

Ma, per quanto ci sforzassimo, non siamo riusciti a trovarne in giro, nemmeno con la lanterna di Diogene.  Ahinoi,  lo scoop è fallito! …….

Angela Grazia Arcuri

Roma, 23 aprile 2012.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook