25 aprile- 1 maggio: il ponte ideale per ingrassare

25 aprile- 1 maggio: il ponte ideale per ingrassare

ponte ingrassareNon è passato neanche troppo tempo dall’ultima abbuffata di Pasqua e Pasquetta, che ha fatto ingrassare la maggior parte degli italiani, per colpa di uova di cioccolato, costine, grigliate e agnello, che tornano altre due festività: il 25 aprile, festeggiato nei giorni scorsi, e il 1 maggio, che arriverà tra soli 2 giorni.

Un ponte, questo, che corre il rischio di trasformarsi in un vero e proprio attentato alla linea, come spiega preoccupato il dottor Emanuele De Nobili, direttore sanitario della beauty farm Villa Eden Leading Health Spa di Merano (BZ) : “Dal momento che la Festa della Liberazione e quella dei Lavoratori cadono quest’anno a metà settimana, rappresentando per molti l’occasione di anticipare il weekend, è più che mai in agguato il pericolo di accumulare fino a 2 chili in soli 3 giorni”.

Si tratta di una vera e propria problematica che non dev’essere presa sottogamba, ma anzi, è necessario non abbandonarsi troppo all’ozio durante questi giorni di ferie, perchè, come prosegue l’esperto in nutrizione: “In occasione dei ponti primaverili, non si fanno sconti, con pranzi e cene a base di cibi molto sostanziosi e ricchi di grassi e sali, come insaccati, formaggi, panificati e carne alla griglia, che favoriscono per l’appunto l’aumento del peso corporeo. E il rischio di ingrassare aumenta se si associa un consumo eccessivo di alcolici”.

Ovviamente questo non significa dover rinunciare ai piccoli grandi peccati di gola, ma saperli alternare ad un movimento di almeno mezz’ora o 40 minuti al giorno, sia camminando che andando in bici, o ai classici esercizi di palestra. Così facendo, infatti, si vanno a bruciare i grassi accumulati, così come le calorie.

Inoltre, come afferma il nutrizionista, bisogna evitare di mangiare tanto a cena: “Se proprio bisogna concedersi qualche eccezione, è meglio farlo a pranzo, in quanto nell’arco della giornata è più facile smaltire le calorie prese in eccesso”. Libero sfogo, quindi, durante il pranzo di mezzogiorno, che va alternato ad una cena a base di verdure cotte e pesce, sia cotto al forno che ai ferri.

Krizia Ribotta

29 aprile 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook