La camicia che si stira da sola

La camicia che si stira da sola

camicia-uomo

E’ arrivata finalmente sul mercato l’indumento che farà felici molte casalinghe disperate. Le donne forse non la useranno ma ne trarranno giovamento perché di solito sono loro che svolgono i lavori domestici più noiosi, come fare il bucato, stendere e stirare. Ma da oggi nessun problema, arriva la camicia che si stira da sola.

L’azienda americana “Wool & Prince” ha brevettato, dopo ben sei mesi di test,  una camicia davvero particolare che pare si stiri da sola.

Il segreto della “instancabile” camicia risiede nel materiale di cui è composta; al tatto può sembrare una normale e morbida camicia di cotone ma in realtà il suo tessuto è un pregiatissimo filato di lana che dura sei volte di più del cotone così che ha una maggiore resistenza agli strappi (poiché la lana può essere torta e ritorta 20 mila volte senza rompersi) e grazie alla sua piegatura naturale mantiene la sua forma iniziale, inoltre la lana a differenza degli altri materiali, assorbe il sudore e lo fa evaporare. Una grande idea per chi si trova a viaggiare spesso con solo una ventiquattrore ed accartoccia le camice in fondo alla borsa, oppure ideale per tutti quegli uomini pigroni che non hanno voglia di fare il bucato molte volte alla settimana. La camicia in questione la si può riutilizzare molte volte e manterrà lo stesso profumo (oltre che la piega) come al primo utilizzo.

La camicia prima di essere lanciata sul mercato è stata brevettata da 15 collaudatori sparsi in tutto il mondo e usati per la “100 Day challenge”, come dimostrazione che la camicia poteva essere effettivamente utilizzata per più di 100 giorni consecutivi senza che emettesse odori cattivi o che bisognasse stirarla.

Le taglie in cui è disponibile questo strano indumento realizzato a Shangai ma ideato a Brooklyn sono: S, M, L, XL. Al momento i finanziatori sono già 864 e i prezzi partono da 98 dollari a camicia con offerte speciali a 190 dollari per due camice.

 

Jessica Donadio

09/12/2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook