Trasformare la spazzatura in acqua potabile? E’ possibile

Trasformare la spazzatura in acqua potabile? E’ possibile

Molte volte ci siamo ritrovati col non saperne cosa fare della spazzatura che ci invade le strade. La raccolta differenziata non basta, le discariche aumentano esponenzialmente e ormai bisogna ingegnarsi in tutti i modi per trovare un rimedio sul dove metterla, la spazzatura è un problema che da sempre affligge l’umanità, è un fastidio prolungato perché riguarda tutti noi, la si è bruciata, la si è provata a spedire sulla Luna, ma da oggi una scoperta incredibile potrebbe farci sorridere: la spazzatura può trasformarsi in acqua.

Ebbene si, la spazzatura potrà essere trasformata in acqua cristallina grazie ad un macchinario brevettato dalla Eco- Wiz, società fondata a Singapore nel 2010 di cui fa parte Renee Milson che ha investito su questa idea 500.000 dollari. La tecnologia della macchina è fondata sull’azione di microorganismi ed enzimi capaci di accelerare la decomposizione dei rifiuti, eliminando allo stesso tempo gli odori sgradevoli. Questo mix di microorganismi prende il nome di Bio- Helper ed ha ottenuto la classificazione di Bio- Safety level 1 che garantisce la massima sicurezza per uomo e animali.

I rifiuti vengono letteralmente dati in pasto a dei batteri costruiti in laboratorio che in poco tempo digeriscono gli scarti trasformandoli in acqua cristallina. Quest’acqua prodotta non è potabile ma può essere usata per i lavaggi di auto o oggetti di uso comune e per l’irrigazione delle piante per esempio.

Per dare un’idea di quanto possa essere un sistema ecologico Eco- Wiz basta pensare che da una tonnellata di rifiuti si possono ricavare mille litri d’acqua, questi numeri ci fanno riflettere su quanto possa essere alto il risparmio con questo macchinario, sia sull’acqua risparmiata e, anzi prodotta e sia sull’eliminazione della tassa dei rifiuti. Eco- Wiz ha risolto ben due problemi dell’umanità.

 

Jessica Donadio

30/11/201520150901133411-acqua-potabile

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook