Stop alla fame? Colorate la tavola di rosso

Da una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori, guidati da Oliver Genschow dell’Istituto di psicologia dell’ateneo basilese dell’Università di Basilea, in Svizzera, è emerso che colorando di rosso la tavola il nostro cervello accetta maggiormente le porzioni più “piccole”. Un inganno che funziona anche per la sete, sempre secondo i ricercatori, i bicchieri rossi sarebbero in grado di farci bere meno alcolici o bevande gassate.

Non solo alimenti quindi, il rosso è un colore che stimola le nostre percezioni emozionali e permetterebbe di contenere i nostri istinti, quindi perché non abbondare nell’usarlo anche nelle stoviglie e nelle tovaglie?
I ricercatori hanno condotto alcuni test su un campione di 109 persone alle quali è stato offerti tre piatti contenenti ciambelle salate, l’unica differenza stava nei colori delle stoviglie che erano rossi blu o bianchi. Il risultato dell’esperimento? Chi prendeva le ciambelle dal piatto rosso in genere si accontentava della metà del cibo che invece mangiava chi ne prendeva dai piatti blu o bianchi. Stesso risultato in un altro test condotto però questa volta con dei bicchieri, questa volta blu o rossi. Chi ha usato il bicchiere rosso ha bevuto in media il 40% in meno.
Secondo il team di ricercatori dell’università di Basilea che ha condotto questo studio, questa scoperta potrebbe rappresentare un modo per sviluppare nuovi studi sulla percezione da abbinare alle diete. Una domanda però sorge spontanea: come mai a Natale (quando il rosso abbonda nelle decorazioni) difficilmente assistiamo a timidi rifiuti di cibo ed alcol?

Enrico Ferdinandi

17 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook