Chi fuma muore otto anni prima di chi non fuma

Chi fuma muore otto anni prima di chi non fuma

sigaretteTABAGISMO – Che “Il fumo uccide”, lo sappiamo tutti anche se non sempre si ha quel grado di consapevolezza tale da prendere la decisione di non incominciare a fumare o di smettere, se già si è iniziato.

Pertanto “Il fumo uccide”, non è un eufemismo, un modo di dire, né un semplice slogan sui pacchetti di sigarette, perchè ciò è confermato da un recente studio belga, pubblicato sulla rivista BMC Public Health che ha rilevato che i fumatori vivono in media otto anni in meno rispetto ai non fumatori.

Questa è la conclusione di questo studio da parte del Dipartimento di Sanità Pubblica e monitoraggio WIV- IS, su uomini e donne di età superiore ai 30 anni.  I ricercatori sono partiti dalla seguente premessa: chi ha più di trent’anni, è improbabile che inizi a fumare.  Essi hanno quindi ritenuto che i soggetti studiati avevano fumato per molto tempo. Lo studio poi quantifica gli anni di aspettativa di vita tra i fumatori, ex-fumatori e non fumatori.

In maniera non sorprendente, i fumatori sono i grandi perdenti: la sigaretta è costata otto anni e due mesi di vita per le donne, contro i sette anni e dieci mesi per gli uomini.  I vecchi dipendenti da sigarette hanno nel frattempo perso due anni e mezzo.

Inoltre, lo studio punta il dito contro la qualità della vita, minata dal tabacco. “Il fumo provoca insufficienza cardiaca tra gli altri, ictus, ecc” ha sottolineato lo specialista dipendenza dottor  Anguenot-Fiol Muriel al quotidiano Le Parisien. Così come, un fumatore dovrebbe vivere in media sei anni in meno in buona salute e, quindi, avrebbe conosciuto prima lo “stato di disabilità”. Vale a dire, difficoltà a svolgere attività quotidiane: sedersi, stare in piedi, vestirsi o mangiare. L’unico modo per fermare questo scenario da incubo: smettere di fumare. Gli autori dello studio insistono anche sulla “assoluta necessità di incoraggiare tutti i fumatori a svoltare finalmente per non tornare a fumare”.

Redazione
18 agosto 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook