Occhi azzurri con il laser: ora si può

Gregg Homer, fondatore dello Stroma Medical Center a Laguna Beach, in California, ex avvocato dell’entertainment a Hollywood che ha abbandonato la professione per studiare biologia a Stanford come ha riferito alla tv di Los Angeles KTLA sembra abbia trovato il modo di far diventare gli occhi castani di colore azzurro. Questa mutazione di colore fino ad ora era possibile solamente attraverso l’utilizzo di lenti a contatto colorate, una tecnica sicuramente poco elegante, niente a che vedere con qualcosa di definitivo.

Homer annuncia con clamore che con il laser in soli 20 secondi si può raggiungere questo risultato in maniera permanente (ed irreversibile): si tratterebbe di distruggere il pigmento di melanina che rende l’iride marrone e questo comporterebbe una trasformazione graduale del colore dell’occhio che nel giro di due o tre settimane raggiungerebbe la colorazione azzurra. Notizia favolosa per tutti gli appassionati di estetica se non fosse che sembra, stando ai parer idi alcuni illustri esperti di oftalmologia, che seppur si tratti di un intervento relativamente semplice non sarebbe tuttavia privo di rischi: infatti questa pratica rischia sia di creare disturbi alla vista (se il pigmento c’è un motivo ci sarà) sia di esporre l’occhio a rischio di glaucoma: si ritiene infatti che il glaucoma pigmentario, che causa cecità sia dovuto proprio all’infiltrazione di melanina nel liquido che si trova dentro l’occhio.
La tecnica è ancora in fase di sperimentazione ma Homer assicura : ”Usiamo due frequenze assorbite completamente dal pigmento scuro così non c’è rischio di danneggiare il resto dell’occhio, Il laser scalda e cambia la struttura delle cellule del pigmento. L’organismo riconosce che è  in presenza di tessuto danneggiato e mette in gioco una proteina che a sua volta aziona un meccanismo che digerisce il tessuto a livello molecolare”.
Gli esperimenti condotti prima su cadaveri e animali e poi su pazienti reali si sono svolti in Messico dove le norme che regolano i test medici sono più permissive rispetto agli Stati Uniti e stando a ciò che dice Homer in ogni caso ci vorrà ancora almeno un anno di sperimentazioni prima che la tecnica possa essere pronta per l’uso.
Probabilmente entro 18 mesi il trattamento potrebbe essere messo sul mercato in paesi come Canada, Messico e Europa, per poi introdurlo anche in America tra tre anni. Il costo per avere un bel paio di occhi blu sarà abbastanza alto ma non proibitivo, sicuramente meno di un seno nuovo e dovrebbe aggirarsi intorno 5mila dollari (oltre 3.600 euro). Le perplessità sono tante ma Homer  sostiene che secondo un sondaggio condotto su 2.000 pazienti, il 17,5 per cento si sottoporrebbe al trattamento.


7 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook