Scoperta una nuova cometa: Il suo nome astronomico è C/2010 X1 o meglio Cometa ELENIN

di Loris Tarli

La scoperta di questa nuova cometa si deve all’astronomo russo Leonid Elenin e risale al 10 dicembre dello scorso anno. Quel giorno la cometa si trovava a 640 milioni di chilometri dalla Terra. L’11 Settembre la cometa Elenin si è approssimata al perielio ed era possibile osservarla solo dal polo sud o almeno a sud dell’equatore.

Purtroppo, anche quando transiterà in un’orbita a noi più vicina sarà quasi sicuramente inosservabile dalla terra. Infatti, rimarrà sempre offuscata tra la luce attenuata del sole durante il tramonto. Il giorno 22 di settembre sarà vicinissima a Venere, ma l’incontro, non scontro, avverrà nelle ore che si apprestano al tramonto del Sole.

 

Per vederla bisognerà attrezzarsi con un buon binocolo e aspettare il 16 di Ottobre, quando transiterà ad una distanza dalla Terra di  35.000.000 di Km. Dunque, nessun pericolo che possa avvicinarsi troppo al nostro pianeta. Pare certo che non incontrerà nessun corpo che potrebbe determinarne la variazione dell’orbita, ne potrà avere effetto alcuno sul pianeta Terra stante la sua insignificante massa; un nucleo di ghiaccio e roccia di 3 / 4 Km.    Dal giorno 16 in poi riprenderà la strada verso l’infinito rituffandosi nell’oblio. Non sarà più visibile per 3 mila e 600 anni circa.

Permettendoci di andare ancora di più nel tecnico vi postiamo un commento in merito alla cometa preso da un sito (New Ice Age ) che segue l’attività del Sole, il quale spiega che nei giorni 2-3-4 Settembre 2011 c’erano valori di vento solare estremamente bassi ( circa 270 Km/s.). Ed infatti nei giorni a seguire si sono registrati numerosi sismi con una magnitudo compresa fra 6 e 7, alcuni dei quali in aree non particolarmente sensibili ed rischio geologico come la Virginia.

Avendovi spiegato tecnicamente la rotta della cometa e quindi la non pericolosità, ci permettiamo di darvi anche un’altra spiegazione: questo oggetto che sta arrivando in realtà si chiama Nibiru e, secondo alcuni, sarebbe invece diretto contro la Terra. Zecharia Sitchin, autore di romanzi ambientati nella Sumeria (tra i quali “Il Dodicesimo Pianeta”), ci spiega che avrebbe trovato documenti sumeri sul pianeta Nibiru o Pianeta – X, che orbiterebbe intorno al Sole ogni 3600 anni. Sul pianeta vivrebbero dei Visitors di una civiltà aliena chiamata Annunaki, pare siano visitatori buoni. Questa catastrofe fu prevista inizialmente per il maggio del 2003, ma quando non accadde nulla la data della fine del mondo venne spostata al dicembre del 2012″. Il tutto va a rafforzarsi grazie al calendario Maya.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook