Nuova Radio Londra

Nuova Radio Londra

radioBenvenuti, questa è la Nuova Radio Londra.

Per chi non lo sapesse, Radio Londra, durante la seconda guerra mondiale, dava informazioni e speranze agli italiani. Diventò cruciale nello spedire messaggi “speciali”, destinati alle unità della resistenza italiana. Da Radio Londra quindi si sviluppavo’ la ribellione.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di una Nuova Radio Londra. In questo spazio vi racconterò di un mondo diverso. Potrei scrivervi di ciò che tutti i giornali parlano, rifugiarmi su notizie fatte e rifatte e a volte, se sarà importante o darà il via a nuove discussioni, lo farò, ma questo spazio avrà tutto un altro colore. Vi parlerò di quello che succede in UK e a Londra, dettagli che solo chi vive qui può vedere, sapere e sentire. A volte saranno notizie ludiche, altre serie, ma sicuramente saranno tutte vere. Aprirò una finestra su questa città e non solo perché’ è il posto in cui vivo da due anni, ma perché’ e’ quello che all’Italia serve.

Facciamo un passo indietro.

Quanti di voi hanno sentito le storie che riguardano i vostri genitori, zii o nonni emigrati tanto tempo fa in Germania, negli Stati Uniti o in Sud America? Beh, io sono cresciuta con aneddoti strabilianti. All’epoca la guerra e la fame costringeva le persone a scappare, a lasciare le famiglie per trovare un posto in cui potersi affermare come individui e nello stesso tempo aiutare chi era rimasto a casa. E infatti, una volta fatta fortuna, spedivano sacchi pieni zeppi di caffè, patate, vestiti o soldi, firmati “papa’” o “zio d’America”.

Eroi, che hanno mantenuto salde le loro famiglie e che speravano che in Italia si potesse costruire un futuro prospero e di felicità grazie al loro sacrificio.

E in effetti in parte è stato così. Il boom economico degli anni sessanta e settanta aveva dato speranza a chiunque. I diplomati e i laureati trovavano subito lavoro o si inventavano nuovi mestieri e le coppie non avevano paura di farsi una famiglia, comprare una casa ed essere felici. A quel tempo si viveva sul serio e si combatteva per ciò in cui si credeva.

A un tratto però tutto si è fermato. Gli anni ottanta sono stati un’illusione, gli anni novanta odoravano di declino, ma è stato il nuovo millennio che ci ha spinto nel baratro. E, a dire il vero, non abbiamo ancora toccato il fondo.

E’ riiniziata l’emigrazione di massa, ancora una volta all’estero per poter trovare un posto in cui poter lavorare, per poter essere trattati con dignità, per avere la speranza di vivere e non solo sopravvivere. E la meta preferita è la Gran Bretagna, precisamente Londra.

Gli italiani che arrivano qui si trovano spiazzati, in un ambiente non loro, freddo, angusto, ma nello stesso tempo hanno la voglia di riscatto. Il centro di Londra brulica di italiani, in metropolitana si sente più la nostra lingua che l’inglese, tantissimi sono venuti qui per cercare le opportunità che in Italia non ci sono più, ma con l’amarezza di aver lasciato casa.

Probabilmente non abbiamo combattuto abbastanza, forse c’è ancora qualcuno che non si rende conto del crollo che stiamo subendo, sicuramente la situazione è grave. Abbiamo perso i sogni, la speranza, il piacere di lavorare e di vivere. Però le cose cambieranno, stanno già cambiando. Le migliaia di italiani che emigrano diventano più forti, aprono la mente a nuove prospettive, imparano che le cose possono funzionare ed è così che potranno migliorare l’Italia. Se qualcuno “ai piani alti” progetta qualcosa di grosso contro di noi, noi progetteremo qualcosa di ancora più grosso. Ed è per questo che da oggi vi svelerò tutti i trucchi, i segreti, in una parola, la vita che si vive a Londra. Ed è solo guardando la nostra Italia sotto un’altra luce che potremo cambiare il nostro Paese.

Sono Giulia Carla e, se mi leggerete, farete parte della Nuova Radio Londra.

9 gennaio 2016

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook