Cinzia Albertoni
Cinzia Albertoni

Biografia

Articoli

Ci mancherà Philippe Daverio, il critico col papillon

Chi sapeva spiegarci l’arte con simpatia, chiarezza e semplicità, se n’è andato lasciandoci ignudi del suo sapere che divulgava senza alcuna alterigia nonostante fosse coltissimo. Per fortuna rimangono i suoi libri e i suoi video nei quali continuare ad attingere quella storia dell’arte narrata più che insegnata, pagine nelle quali riversava non solo la sua cultura ma tutto il suo…
Commenti

Riprendono le visite ai musei a Roma, Padova e Ferrara

Il ritorno alla normalità ha coinvolto anche la vita culturale e, in particolare, le riaperture dei musei al pubblico dei visitatori, seppur nel rispetto delle normative e dei protocolli di igiene e sicurezza. Così riprendono le visite di tre mostre in tre città italiane, rispettivamente Roma, Padova e Ferrara: la mostra Raffaello 1520-1483 presso le Scuderie del Quirinale, la rassegna A…
Commenti

Colera, vaiolo, peste, spagnola, Covid-19: le grandi pandemie dell’umanità

Paul Ferdinand Gachet, il medico amico di Van Gogh, nel 1854 quando era ancora uno studente di medicina, offrì volontariamente il suo aiuto ai malati di un’epidemia di colera diffusasi nei dipartimenti francesi dell’Aube e dello Jura. Gachet contrasse la malattia ma guarì e la stessa diventò il soggetto del suo dipinto “Scène du choléra. Souvenir de l’épidémie de 1854…
Commenti

In Italia la grande danza russa

Inizio d’anno travolgente al Teatro Comunale di Vicenza dove il primo gennaio si è esibito il Russian National Show “Gzhel”. Le danze popolari russe, tra cui la trojka, le cosacche, il khorovod con le danzatrici in cerchio e i salti acrobatici, hanno entusiasmato il pubblico che molto ha gradito la tecnica, l’agilità e la bravura di questa compagnia, biglietto da…
Commenti

Verona celebra Giacometti con una mostra alla Gran Guardia

Non solo un’antologica ma uno sguardo allargato sul Novecento parigino grazie ai prestiti della Fondazione Maeght. È una mostra elegante. E non poteva essere altrimenti poiché espone le sottili sculture di Alberto Giacometti, allungate verso l’alto, svettanti come le grandi abetaie della svizzera Val Bregaglia, dove nacque il 10 ottobre 1901 a Borgonovo.  L’allestimento di Marco Goldin dà grande importanza…
Commenti