Eletti i due presidenti: Grasso al Senato e Boldrini alla Camera, entrambi del centrosinistra

Nel pomeriggio di oggi, dopo un serrato ballottaggio con Renato Schifani, alla quarta votazione, con 138 voti, l’ex procuratore Antimafia Pietro Grasso, del centrosinistra è stato eletto alla  seconda carica dello Stato.
Per la sua elezione sono stati determinanti i voti della coalizione Pd-Sel ed anche alcuni voti arrivati, a sorpresa, da M5S, che gli ha fatto raggiungere 5 voti in più del necessario, mentre il suo antagonista Renato Schifani ha raccolto  117 voti.  Le schede bianche sono state 52 e quelle nulle sette. I presenti, e votanti, erano 313.
L’ex presidente Schifani ha preso atto della sconfitta ed è andato a stringere la mano all’avversario, mentre questo veniva acclamato da tutto il suo partito con un a standig ovation.

Il neo eletto presidente Pietro Grasso, nel suo primo discorso ha detto: “ Siamo in un passaggio storico straordinario, abbiamo il diritto della responsabilità di indicare un cambiamento possibile, dobbiamo iniziare una nuova fase costituente che sappia stupire e stupirci. Nei momenti più difficili noi italiani abbiamo sempre saputo unirci, superare le difficoltà, trovare valori comuni e un sentire condiviso” Poi ha anche aggiunto: “Ho sempre cercato verità e giustizia e continuerò a cercarle da questo scranno, auspicando che venga istituita una nuova Commissione d’inchiesta su tutte le stragi irrisolte del nostro Paese”. In un altro passaggio ha fatto un’affermazione che è destinata a fare non solo storia ma anche un chiaro impegno e cioè: “Quest’Aula spero diventi come una casa di vetro”.
Alla presidenza della Camera, invece è stata eletta Laura Boldrini, anche lei candidata del centrosinistra, che è salita allo scranno più alto di Palazzo Montecitorio con  327 voti su 618 votanti, quindi una schiacciante maggioranza.
I neo presidenti,  Laura Boldrini e Piero Grasso, dopo la loro elezione, hanno telefonato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che  ha rivolto ad entrambi i migliori auguri per l’importante missione che li attende, ricordando loro i prossimi comuni impegni istituzionali, a cominciare da quello di domani in cui si  celebra la Giornata dell’Unità nazionale.
Vito Crimi, capogruppo del M5S al Senato, ha attaccato il Pd accusandolo di aver preso le presidenze di entrambe le Camere e commentando l’elezione di Grasso e le evidenti divisioni  dei senatori  cinque stelle, ha dichiarato: “La stragrande maggioranza ha tenuto la linea, ma probabilmente qualcuno non se l’è sentita di vedere eletta una persona come Schifani”.
Berlusconi, leader del pdl, si è prontamente complimentato con il nuovo eletto Piero Grasso, stringendogli la mano all’uscita dall’Aula, mentre fuori, rispondendo ai giornalisti,  ha così commentato: “Il suo discorso è stato ottimo, non c’è stato nulla che abbia destato in noi alcuna perplessità”.
Dal canto suo Grasso, rispondendo a Silvio Berlusconi, ha detto: “Penso alla politica che va cambiata e ripensata dal profondo nei costi, nelle regole, nei servizi e nelle consuetudini, nella sua immagine rispondendo ai segnali che i cittadini ci mandano.

Sebastiano Di Mauro
16 marzo 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook