Lodi, arrestato sindaco Pd

Lodi, arrestato sindaco Pd
Simone Uggetti (Pd)

E’ stato arrestato dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza il sindaco Pd di Lodi, Simone Uggetti, per l’ipotesi di turbativa d’asta in relazione all’appalto per la gestione delle piscine comunali scoperte in via di aggiudicazione alla società Sporting Lodi.

In seguito all’ordinanza di custodia cautelare, si legge sul sito del Comune, il sindaco è stato immediatamente sospeso dalla carica.

L’inchiesta, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe nata in seguito alla denuncia di una funzionaria del Comune, pressata e sollecitata più volte per la stesura del bando “ritagliato su misura” per favorire la Sporting Lodi.

“Ho agito per il bene della città, come ho sempre fatto”, si è giustificato Uggetti con il legale Pietro Gabriele Roveda, che stamattina lo seguirà durante l’interrogatorio di garanzia nel carcere San Vittore di Milano.
Al centro dell’inchiesta c’è un bando di gara dello scorso marzo che riguarda due piscine comunali scoperte date in concessione all’associazione sportiva Sporting Lodi. Al sindaco viene contestata la turbativa d’asta perché avrebbe redatto un bando di gara ‘ad hoc’ per far vincere l’appalto all’associazione. Insieme al sindaco, è finito in manette anche l’avvocato Marini, consigliere di Astem spa, società partecipata del Comune di Lodi, e anche consigliere di Sporting Lodi che si è aggiudicata l’appalto, molto probabilmente, ‘truccato’. Le Fiamme Gialle avrebbero perquisito anche le abitazioni e gli uffici degli arrestati, e avrebbero accertato la formattazione di alcuni computer usati dagli indagati.
Ad occuparsi delle indagini, è il Gip di Lodi Isabella Ciriaco: “Pur davanti alla consapevolezza di realizzare degli illeciti, gli indagati manifestano apertamente il fastidio derivante da chi denuncia a gran voce le loro condotte nefaste e contrarie alla legge e al primario interesse pubblico. […] Un atteggiamento del tutto disinvolto, veramente disarmante quanto allarmante”, ha scritto il giudice.

L’arresto di Uggetti arriva a pochi giorni dalla bufera giudiziaria che si era abbattuta sul Pd della Campania: il Presidente, Stefano Graziano, è indagato perché ritenuto legato al padrino del clan dei casalesi Michele Zagaria. Un altro duro colpo per Renzi, come fa notare il segretario della Lega Matteo Salvini: “Oggi è il turno del sindaco del Pd di Lodi, anche lui arrestato. Forse nel Pd di Renzi c’è qualche problema di onestà?”

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook