Petrolio, indagato l’ammiraglio De Giorgi. I pm a Roma per la Boschi e Guidi

Petrolio, indagato l’ammiraglio De Giorgi. I pm a Roma per la Boschi e Guidi
Il Capo di Stato maggiore della Marina Giuseppe De Giorgi

L’inchiesta della procura di Potenza sull’impianto Tempa Rossa conta ora 2 nuovi iscritti nel registro degli indagati; si tratta del Capo di Stato maggiore della Marina Militare Giuseppe De Giorgi – noto per l’operazione ‘Mare Nostrum’ – e del dirigente della Ragioneria di Stato Guido Pastena. Secondo quanto riferito dal quotidiano ‘La Repubblica‘, «A settembre scorso è stato notificato un avviso di proroga delle indagini al capo di stato maggiore della Marina, indagato insieme al compagno dell’ex ministro Guidi per associazione a delinquere finalizzata al traffico di influenze per una storia riguardante l’Autorità portuale di Augusta».

de giorgi
Il Capo di Stato maggiore della Marina Giuseppe De Giorgi

Dal canto suo, l’ammiraglio De Giorgi ha commentato la decisione della procura manifestando sorpresa e amarezza: «Non conosco sulla base di quali fatti il mio nome venga associato a questa vicenda. La cosa mi sorprende e mi amareggia, e tutelerò la mia reputazione nelle sedi opportune».

Mentre si attendono nuovi sviluppi per quanto riguarda De Giorgi e Pastena, tra lunedì e martedì si svolgeranno gli interrogatori di garanzia delle 6 persone arrestate nell’ambito del filone d’inchiesta riguardante la gestione dei reflui petroliferi al Centro Olio in Val d’Agri a Viggiano dell’Eni. Si tratta dell’ex sindaco di Corleto Perticara, Rosaria Vicino (Pd), e di 5 funzionari dell’Eni: Vincenzo Lisandrelli (coordinatore ambiente del reparto sicurezza e salute all’Eni di Viggiano), Roberta Angelini (responsabile Sicurezza e salute dell’Eni a Viggiano), Nicola Allegro (responsabile operativo del Centro oli di Viggiano), Luca Bagatti (responsabile della produzione del distretto meridionale di Eni) e Antonio Cirelli (dipendente Eni nel comparto ambiente). I pm di Potenza, inoltre, si recheranno a Roma per ascoltare il Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, e l’ex ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi.

In Parlamento l’opposizione grida allo scandalo e non si accontenta delle dimissioni del ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi; Il M5S ha prima attaccato Maria Elena Boschi (citata nella telefonata tra la Guidi e il suo compagno) e poi lo stesso Renzi, annunciando infine una mozione di sfiducia contro tutto il governo. Il primo ministro ha replicato attraverso una eNews: «La disponibilità immediata di Guidi ad un passo indietro ha gettato nel panico le varie opposizioni che a quel punto non sapendo che fare hanno iniziato ad urlare ancora più forte chiedendo le dimissioni dell’intero governo, responsabile non si sa bene di cosa. E presentando l’ennesima mozione di sfiducia. Andremo in Parlamento, spero prima possibile. E ancora una volta il Parlamento potrà mandarci a casa, se vorrà. Ma non credo succederà neanche stavolta».

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook