USA: incontro tra Obama e Netanyahu

di Giuseppe Savo

Un importante incontro si è tenuto oggi tra il presidente degli Stati Uniti e il Premier israeliano.
Barack Obama ha auspicato il ritorno di Israele nei confini fissati nel 1967, con un immediato abbandono degli insediamenti sul territorio palestinese che, essendo imposti militarmente, rappresentano la causa principale della tensione tra lo Stato ebraico e le comunità arabe.

Contemporaneamente, rivolgendosi da Hamas, che guida la fazione palestinese, ha chiesto di cessare la politica di attentati messa in atto negli ultimi anni.
Da entrambi le fazioni in lotta sono però giunte risposte negative all’invito del presidente statunitense.
Hamas ha dichiarato “scontato” l’intervento di Obama, da loro considerato filo-israeliano, e quindi interessato a curare prevalentemente gli interessi dello Stato ebraico.
Mentre il governo israeliano ha rifiutato di aprire un dialogo che muova da una loro recessione dai territori occupati, che reputa legittimamente propri.
Solo i giornali palestinesi hanno dichiarato apprezzamento per l’intervento del presidente.
Allo stesso tempo però hanno anche sottolineato come queste parole contrastino con quelle che sono le azioni del governo Usa, che proprio nei giorni scorsi è detto contrario al riconoscimento di uno stato palestinese autonomo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook