Def, superate le incomprensioni tra Anci e Governo

Def, superate le incomprensioni tra Anci e Governo

 16878212517_6a4dac6fdf_nROMA – Oggi ha Palazzo Chigi si è tenuto un incontro atteso da giorni, quello tra il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e la delegazione dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) guidata dal Presidente e Sindaco di Torino Piero Fassino.
Al centro della discussione il Def e la conseguente preoccupazione per i tagli alle Città metropolitane, oltre alla richiesta di un fondo di 625 milioni, necessari per sostenere il passaggio dall’Imu alla Tasi.

Il nuovo Ministro per le Infrastrutture, Graziano Delrio, era presente con Renzi a questo confronto che si è concluso con l’ennesima rassicurazione da parte dell’esecutivo che «il Def non prevede nuovi tagli a carico dei Comuni e che in ogni caso il governo intende discutere con l’Anci a partire da settembre quando sulla base del Def bisognerà redigere la legge di stabilità».

Un chiarimento importante per Fassino, che spiega: «Il premier ci ha detto con molta chiarezza che allo stato attuale un testo finale del Def non esiste, esistono bozze di lavoro che non vanno assunte come decisioni adottate. Nel corso dell’incontro abbiamo parlato delle città metropolitane. Come Anci abbiamo confermato l’intesa sul riparto ma abbiamo posto l’obiezione sul fatto che quel riparto è molto oneroso con tre città, Roma, Firenze e Napoli e quindi va rivisto l’onere con altre città o vanno posti altri meccanismi per ridurre l’impatto su quelle città. Di questo parleremo e porteremo il tutto all’incontro di mercoledì».

Le dichiarazione del Primo Ministro, al termine dell’incontro, fanno capire come si sia superata l’impasse e la tensione dei giorni scorsi: «Emerge un quadro che consente di superare i fraintendimenti e le incomprensioni dei giorni scorsi. Ciascun punto necessita ora una traduzione operativa: alcune delle queste intese richiedono un provvedimento di legge».

Il Presidente dell’Anci, Piero Fassino, in conferenza stampa ha fatto sapere che ora si attende «l’incontro in programma mercoledì tra Anci e governo», che sarà l’occasione per riprendere i diversi temi e definirne percorso e tempi.

Paola Mattavelli
9 aprile 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook