La Lega attacca Tosi e nomina Zaia unico candidato in Veneto

La Lega attacca Tosi e nomina Zaia unico candidato in Veneto

20150224_tosi-salvini-zaia1

MILANO- Luca Zaia candidato alle regionali del Veneto. Il consiglio federale del Carroccio ha deciso ieri all’unanimità la candidatura del governatore uscente alle prossime elezioni, lanciando un ultimatum al sindaco di Verona Flavio Tosi che ora deve scegliere se stare con il partito o con la sua Fondazione.

Alla decisione del consiglio è seguito il commento di Matteo Salvini. «Quelli che si aspettavano spaccature o sfide varie sono rimasti male: nessuno ha vinto in pieno, nessuno ha perso su tutta la linea, ma il Movimento è compatto e ha un suo candidato in Veneto – ha dichiarato il segretario leghista il quale ha attaccato la possibile secessione di Flavio Tosi – È una questione di coerenza e in base allo Statuto, tutti faranno la scelta più saggia: non prendo in considerazione ipotesi che qualcuno esca dalla Lega».  Immediata la replica del primo cittadino di Verona che non ha voluto parlare della sua permanenza nel partito: «Oggi ha vinto via Bellerio sulla Liga Veneta, se proprio vogliamo…che abbia vinto il Veneto la vedo un po’ dura».

Sul Carroccio, oltre le spinte secessioniste di Tosi che con la sua fondazione Ricostruiamo il Paese mira a creare un centrodestra nazionale e moderato, gravano altre ipoteche, in primis la nomina del commissario Dozzo per il controllo della segreteria veneta del partito durante le elezioni. Salvini ha però sdrammatizzato, ribadendo che «non è un vero commissariamento della segreteria perché tutte le cariche, a partire da quella di Tosi, restano comunque in scadenza a giugno».

In attesa del Consiglio nazionale veneto di giovedì che deciderà su liste e candidature per le Regionali in Veneto, Salvini si è già guardato intorno e non ha escluso l’alleanza con Berlusconi: «Io non chiudo le porte in faccia a nessuno: Alfano se l’è chiusa da solo.Vedremo con Forza Italia cosa decideranno i veneti, gli umbri e nelle Regioni dove si vota».

Benedetta Cucchiara

3 marzo 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook