Ennesimo attacco al premier, Fassina accusa: «Renzi schierò 101 deputati contro Prodi»

Ennesimo attacco al premier, Fassina accusa: «Renzi schierò 101 deputati contro Prodi»

stefano-fassina-interna-nuova

ROMA – Continuano le offensive della minoranza dem contro Renzi. L’ex ministro dell’economia Stefano Fassina ha accusato il premier di aver guidato nel 2013 i 101 deputati che ostacolarono l’ascesa di Prodi al Colle, respingendo così i moniti renziani volti a «fidelizzare» i ribelli in vista delle elezioni per il Quirinale.

«A differenza di quelli che oggi chiedono disciplina e due anni fa hanno capeggiato i 101, noi siamo persone serie. Nessuno deve temere da noi i franchi tiratori», ha esordito Fassina il quale, insieme ad altri esponenti Pd, ha sempre respinto l’intimità politica tra Renzi e Berlusconi e soprattutto il Patto del Nazareno. L’ex ministro ha ipotizzato la nascita di un Partito del Nazareno, cioè «basato sul patto stretto che Renzi ha fatto da tempo con Berlusconi, ignorando i contributi che arrivano dalla minoranza del Pd». E sugli effetti dell’alleanza, Fassina non ha dubbi: «Gli unici che pagano questo patto sono i cittadini, che si vedono ancora una volta sottratta la possibilità di scegliere chi li rappresenta e lo paga la nostra Costituzione, con un Parlamento molto meno autonomo».

Meno intransigente e più aperto ad ascoltare il premier, è Pierluigi Bersani il quale ha rinnovato la sua lealtà al partito. «La situazione è migliore del 2013, quando non c’era un governo né una maggioranza al segretario-premier. La richiesta è quella di tenere unito il Pd coinvolgendo tutte le sue anime nella scelta del futuro «arbitro», ha sottolineato l’ex segretario dem, consigliando a Renzi di non esagerare e di tener conto delle richieste dei dissidenti: «L’unica cosa che tanti di noi chiedono è che non si pensi mai di preparare la minestra con la destra e farla bere con forza a un pezzo del Pd».

Il tentativo bersaniano di conciliazione non riesce a celare il malcontento che aleggia nel Pd e anche Rosy Bindi ha espresso la sua contrarietà ad accordi extrapartitici inefficienti: «Il patto del Nazareno è una prigione per tutti, è un patto sempre più esclusivo. Se si deve fare un presidente funzionale a quel patto io sono contraria».

Benedetta Cucchiara

23 gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook