Renzi rinvia il decreto fiscale e prende le distanze da Berlusconi:«deve scontare la pena»

Renzi rinvia il decreto fiscale e prende le distanze da Berlusconi:«deve scontare la pena»

2a39c37c02cc8d1aaf26ca43c7b5abbf-kDFE-U10401312350149wBI-700x394@LaStampa.it

ROMA – Rinviata al 20 febbraio la discussione del decreto fiscale nel Cdm. A seguito delle polemiche sorte a causa della norma salva- Berlusconi, il premier Renzi ha annunciato con la prima e-new dell’anno di inserire il discusso provvedimento nel pacchetto riforme fiscali del mese prossimo, evitando così ulteriori critiche da parte dell’opposizione e dello stesso Pd.

«Noi cambiamo il Fisco per gli italiani, non per Berlusconi. Senza fare sconti a nessuno, nemmeno a lui, che sconterà la sua pena fino all’ultimo giorno» si è difeso il premier che ha dimostrato di non voler perseguire alcuna politica ad personam e semplicemente  di voler evitare polemiche, sia per il Quirinale che per le riforme: «ho pensato che sia più opportuno togliere di mezzo ogni discussione e inserire anche questo decreto nel pacchetto riforme fiscali del 20 febbraio».

Ma la mossa di Renzi è stata etichettata dalla minoranza democratica come «propaganda indecente» e «un favore al leader azzurro». Fassina ha attaccato duramente il premier, reo di aver offeso l’intelligenza degli italiani con l’eccessiva propaganda della delega fiscale, e anche il senatore Pd Minneo ha twittato la sua disapprovazione: «sbaglia Matteo Renzi a difendere la modica quantità per evasori e truffatori. E sbaglia a rinviare a febbraio: sembra un favore a Berlusconi».

Superando gli attacchi interni, Renzi si è detto fiducioso, ricordando gli imminenti appuntamenti con le riforme, in primis quella della legge elettorale che oggi sarà discussa in Senato e riaprirà il dibattito sulle preferenze.

Benedetta Cucchiara

7 gennaio 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook