Monti: il posto fisso? Non esiste piu’ ed e’ monotono

Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha parlato ieri agli italiani sia nel corso del Tg5 che nella puntata di Matrix in onda sempre su canale5.
Monti ha affermato che l’obiettivo di abbassare lo spread: “non è ancora raggiunto, deve scendere ancora e scenderà. La tendenza è decrescente, siamo scesi di 200 punti rispetto a novembre”, e quando Cristina Parodi (che ieri conduceva il Tg5) gli ha domandato se in futuro penserà a entrare in politica, Monti svia affermando: “Non so nel marzo 2013, o quando sarà, che ricordo avrò. Ma so che sarà una parentesi chiusa e che il ricordo sarà positivo se l’Italia sarà in una posizione migliore rispetto a oggi. Penso che ce la faremo”.

Monti ha parlato poi del tanto discusso articolo 18: “l’articolo 18 non è un tabù. Può essere pernicioso per lo sviluppo dell’Italia e il futuro dei giovani in un certo contesto, ma può essere abbastanza accettabile in un altro contesto”, e riferendosi all’appoggio di Berlusconi ha detto: “Trovo che sia naturalmente fondamentale per il governo ed è particolarmente significativo visto che viene dall’ex presidente del Consiglio”. Un appoggio che da anche intenzionalmente il senso della continuità. ‘Trovo che i malumori siano normali in quella parte politica che non è più al Governo”.

Durante la puntato di Matrix Monti ha parlato di lavoro ed ha affermato che ormai lavori sicuri, lavori a tempo indeterminato non esistono più e che inoltre lavori di questo tipo sono monotoni. Affermazione che ha scatenato non poche polemiche, come quella di Francesco Storace, leader di La Destra, che ha ricordato di come: “Monti farà il senatore a vita e avrà il suo posto fisso, quindi dovrebbe fare molta attenzione quando usa le parole. Mi indigno per la leggerezza con cui vengono dette certe cose, davvero Monti pensa che si possa saltellare da un lavoro all’altro con tanta facilità come accade negli altri Paesi?”.
Critiche anche dal Centrosinistra, con Nicola Latorre, vicepresidente del Pd al Senato, che ha affermato: “È stata una delle peggiori performance televisive del presidente del Consiglio. Teorizzare che la società non è dinamica perché c’è l’articolo 18, perché c’è il posto fisso è una sciocchezza. Teorizzare che il posto fisso è noioso credo sia discutibile e io non la penso proprio così”.
Dalle fila dell’Idv arriva il giudizio di Antonio Borghesi: “Sono parole inopportune e inappropriate, tipo quelle di Padoa Schioppa quando disse che le tasse sono bellissime. Monti ha sbagliato profondamente e dovrebbe chiedere scusa a tutti quegli italiani che in questo momento vivono un momento estremamente difficile”.

Enrico Ferdinandi

2 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook