Blocco dei tir, scontri davanti a Montecitorio e da stasera sciopero dei treni

Ieri i pescatori hanno manifestato sotto Montecitorio contro il rincaro dei carburanti. Risultato: scontri, feriti e nulla di risolto. Oggi continuano i blocchi dei tir in tutta Italia e da questa sera partirà anche lo sciopero dei treni.
Così mentre nel Lazio si cominciano a finire le scorte di carburanti nei distributori, i supermercati sono sempre più vuoti e molti agricoltori ieri hanno regalato ai più bisognosi i loro prodotti pur di non buttarli. Pensate che secondo Coldiretti negli ultimi giorni sono andati a male almeno 50.000 tonnellate di cibo.

La stessa Coldiretti per oggi sta predisponendo una distribuzione gratuita ai pensionati italiani e alle famiglie in difficoltà. In termini economici la perdita complessiva ammonta ad almeno 100 milioni di euro e nei prossimi giorni si teme che i prezzi di frutta e verdura possano aumentare fino al 200% in più. Non solo anche il pesce sta cominciando a scarseggiare. A Roma ad esempio abbiamo effettuato dei controlli nella giornata di ieri in alcuni dei più grandi centri commerciali (Roma Este, Romanina, Tor Vergata) il risultato?
Banconi di frutta e verdura semivuoti, poco pesce ma molta gente in fila per comprare provviste. Pronti al peggio.
Continua anche oggi lo stop nelle fabbriche Fiat di Sevel, Melfi, Mirafiori, Cassino e Pomigliano.
Dovrebbe rassicurare l’annuncio del ministro dello Sviluppo, Corrado Passera che questa mattina ha affermato: “Il settore dell’autotrasporto è destinatario di una riduzione compensata dei pedaggi autostradali pari, per il 2012, a 170 milioni di euro. Il governo ha ampiamente affrontato le problematiche del settore e ha già individuato possibili soluzioni. Nel decreto di ripartizione dei fondi a favore del settore, pari a 400 milioni di euro”. Passare ha poi affermato che saranno: “inserite misure per la riduzione dei premi assicurativi e dei costi del carburante”. Passera ha poi fatto notare Passera che la protesta dei tir è frutto di “movimenti isolati”.
Intanto ieri sono arrivati primi arresti: A Caserta manette a cinque camionisti che inseguito un tir entrato sull’A30 stringendolo verso la carreggiata esterna per costringerlo a fermarsi. Altri due autotrasportatori sono stati arrestati nel tarantino dopo aver aggredito un loro collega che aveva tentato di eludere un blocco. Sulla Pontina, in provincia di Latina, un autista e’ stato fermato e aggredito perche’ tentava di superare un blocco organizzato dai camionisti. Dall’aggressione e’ nata una colluttazione. Due persone sono rimaste ferite. Molti altri gli episodi di questo tipo.

Virginio Sapio

26 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook