Genova, Grillo viene contestato ma accusa Renzi: «Lui conosceva il pericolo».

Genova, Grillo viene contestato ma accusa Renzi: «Lui conosceva il pericolo».

L’arrivo di Beppe Grillo a Genova ha scatenato la rabbia dei genovesi che hanno apertamente contestato il leader del M5S.

Beppe Grillo in Genoa after the floodsGENOVA – Seguito dalle telecamere per le vie del centro, Grillo ha voluto intrattenere una conversazione con gli alluvionati della sua Genova i quali, tra fango e rabbia, non hanno accolto favorevolmente l’iniziativa del comico. «Vuoi una pala, vieni a spalare»- ha detto uno dei tanti angeli del fango, accusando implicitamente il leader del movimento di voler far propaganda. Ma la replica è stata immediata: «Ci sono già i parlamentari. Se vi fa piacere prendetevela con me se vi fa piacere sfogarvi».

All'”esortazione” dei suoi concittadini di «lavorare invece di parlare», Grillo ha tentato di far sentire la sua vicinanza agli alluvionati: «Io sono andato nei miei quartieri, dove sono nato e cresciuto. Io ci sono, il M5S c’è e ci sarà sempre dalla parte delle persone sconfitte. Basta con questa gente che manda i tweet, fa le mozioni e poi non mantiene quello che dice».

Dopo aver dichiarato di avere la coscienza a posto, Grillo ha puntato il dito contro Renzi, colpevole di non aver fatto nulla per evitare la catastrofe, pur essendo a conoscenza del pericolo, come si legge nel blog del M5S: « Sapeva di Genova, si deve dimettere subito.C’era già una lettera delle imprese che avevano l’incarico di mettere in sicurezza il territorio datata il 5 di agosto e mandata al Governo Renzie».

Le invettive pentastellate non sono state riservate solo all’esecutivo, ma hanno riguardato anche i giornalisti che seguendo il comico genovese in tutti i suoi spostamenti, hanno ottenuto un’ironica quanto seccata risposta: «Se volete una mia intervista versate 2000 euro su questo Iban per gli alluvionati di Genova.Quando ci sarà il versamento avrete l’intervista altrimenti non parlo».

Benedetta Cucchiara
14 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook