Job Act: Bersani, leale ma non troppo, attacca Renzi: “Se la prende con tutti”

Job Act: Bersani, leale ma non troppo, attacca Renzi: “Se la prende con tutti”

bersani articolo 18 ROMA – Bersani appoggerà il Job Act . L’ex segretario democratico ha annunciato di voler rispettare le decisioni del partito sulla riforma del lavoro, senza però rinunciare agli emendamenti e alle critiche nei confronti dell’esecutivo.

Dopo aver garantito il suo voto al Job Act, discusso oggi in Senato, Pier Luigi Bersani si è rivolto al premier, chiedendo di “poter dire la sua” sulla pioggia di accuse che è caduta su tutti, ad eccezione della destra. “Prendersela con tutti, con i sindacati, i magistrati, la minoranza del partito e mai una volta con la destra è curioso – ha dichiarato l’ex segretario – è curioso perché sono 10 anni che governa la destra”. E sul possibile tradimento ipotizzato dallo stesso Renzi, Bersani ha voluto mettere in chiaro la sua posizione: “Voglio credere che ci sarà una battaglia fino all’ultimo argomento emendativo, ma noi siamo leali verso il governo e il Pd. Per l’amor di Dio stian tranquilli quelli che mi dicono come ci si comporta nella ditta. I neofiti della ditta stiano tranquilli”.

In questo girotondo di accuse, Bersani oltre ad aver puntato il dito contro le critiche renziane ai sindacati, ha attaccato duramente il provvedimento che introdurrà il Tfr in busta paga, spiegando che si tratta di soldi dei lavoratori e che “se si vuole fare qualcosa, bisognerà parlare con i lavoratori perché non sono soldi del governo né delle imprese”.

Se i renziani hanno ravvisato nella conciliazione di Bersani un segno di apertura e di debolezza interna nella minoranza Pd, l’ex segretario ha invece smentito qualsiasi frattura nel suo entourage in quanto tutti hanno espresso la stessa opinione: il documento è un passo in avanti, ma non è ancora sufficiente.

Per il premier è iniziata una corsa ad ostacoli per ottenere l’ok dal Senato entro il summit europeo dell’8 settembre, velocizzando l’approvazione della riforma del lavoro e allo stesso tempo garantendo una rapida risoluzione dei conflitti tra renziani e minoranza.

Benedetta Cucchiara
2 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook