Riforma del lavoro, governo in azione ma la disoccupazione giovanile aumenta

Riforma del lavoro, governo in azione ma la disoccupazione giovanile aumenta

Pensioni-Governo-Renzi-le-novita (1)Roma – Dopo le dichiarazioni di Renzi, il governo passa all’azione. Una fonte governativa ha fatto luce sulle intenzioni dell’esecutivo che, seguendo le direttive del premier, sta già lavorando per modificare il disegno di legge sul mercato del lavoro.

Dettagliare è la parola d’ordine, e l’emendamento all’art. 4 del progetto legislativo presentato in Commissione Lavoro al Senato, sarà oggetto di altre modifiche volte ad allontanare tutte le incertezze sull’applicazione dell’art. 18 ai nuovi contratti a tutele crescenti. “Stiamo lavorando, quanto annunciato sarà tramutato in norma” ha fatto sapere palazzo Chigi, riferendosi alle dichiarazioni del premier il quale, nel corso della riunione Pd di ieri, aveva cercato un compromesso con le parti sociali; Renzi infatti aveva affermato di non voler toccare il reintegro nel caso di licenziamento discriminatorio e disciplinare.

“Un elemento da chiarire”, secondo quanto sottolineato dalla nota governativa, rimane l’eliminazione dell’art. 18 che potrebbe riguardare tanto i nuovi contratti quanto i contratti esistenti.

Aspettando la concretizzazione degli annunci renziani, i dati presentati dall’Istat mostrano ancora una volta uno scenario preoccupante, in cui la disoccupazione giovanile si attesta al 44%, una percentuale altissima che affonda i tiepidi successi nella lotta alla disoccupazione generale.

Benedetta Cucchiara
30 settembre

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook