Cemortan, ultimatum a Schettino: “Se non parli tu, parlerò io”

Cemortan, ultimatum a Schettino: “Se non parli tu, parlerò io”

959102c9773c9924410f6a706700c9ee-U20146438450589F-187x195@Gazzetta-Print-Nazionale-009-kTmB-U4303011084215044WD-593x443@Corriere-Web-Sezioni

ROMA- “Se non parli tu, parlerò io”, aveva scritto nei giorni scorsi su Facebook l’hostess moldava Domnica Cemortan, ex amante del Comandante Schettino. Ed è proprio a Schettino che si rivolge in questo ultimatum, aggiungendo: “Ti do sei giorni per dire la verità su quello che è successo immediatamente dopo aver dato l’annuncio di abbandono della nave”. E i sei giorni scadono il 30 settembre. Domani.

La Cemortan sarebbe quindi pronta a dire la sua e le sue dichiarazioni fanno pensare che Schettino abbia omesso diverse informazioni riguardanti la tragedia avvenuta al Giglio in cui persero la vita 32 persone.

Ad esempio, l’hostess si è sempre chiesta perché Schettino avesse domandato a lei e al maitre Ciro Onorato di andare a controllare insieme a lui la dritta della nave: “Cosa potevamo capire noi delle condizioni della Concordia?”.

Luigi Carnevale

29 settembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook