Renzi: pronti a sfidare i poteri forti. Sul lavoro nessun pasticcio

Renzi: pronti a sfidare i poteri forti. Sul lavoro nessun pasticcio

 

U6NQOLGF7148-kRHB-U10303211182996ZnB-640x320@LaStampa.it

NEW YORK–  Il Premier Matteo Renzi, dopo il discorso di ieri all’Onu –dove ha lanciato l’allarme sugli immigrati rivendicando l’importanza dell’operazione “Mare Nostrum” e invitando gli altri Stati ad una collaborazione con l’Italia affinché “il mediterraneo non diventi un cimitero” –  è tornato ad ad affrontare i temi interni al nostro Paese in un incontro con la comunità italiana al Consolato di New York.

“Per tornare a fare l’Italia siamo pronti, se servirà, a fare battaglie in Parlamento e a sfidare i poteri forti anche se più dei poteri forti temo i pensieri deboli”. Così ha dichiarato il presidente del consiglio durante la cerimonia.

“Cambieremo la burocrazia” – ha assicurato Renzi- “le regole del gioco sul lavoro, le istituzioni, e daremo tempi certi alla giustizia. Se si vuole restare a galla si deve correre. Stando fermi si cade”. Renzi invita a “non rassegnarsi alla rassegnazione” ma ad essere “orgogliosi e gelosi del nostro passato ma anche del nostro futuro”. “Abbiamo qualche problema”- ammette- “alcuni numeri non vanno ma a fronte di un debito alto abbiamo una ricchezza privata più di altri paesi del mondo occidentale, aziende che crescono nonostante la politica e abbiamo la straordinaria capacità di essere innovatori e curiosi”

Poi sulla riforma del lavoro assicura: “Non ci sarà alcun pasticcio, condivido alla lettera le parole del ministro Poletti. Faremo una riforma fatta bene che sarà degna di questo nome”.

Luigi Carnevale

26 settembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook