Scuola, nuove regole per le assunzioni. Renzi: “stop alla supplentite”

Scuola, nuove regole per le assunzioni. Renzi: “stop alla supplentite”

Scuola-Renz-stop-supplentiteROMA – 150 mila nuovi professori e 40 mila cattedre. Sono questi i numeri della riforma della scuola targata Renzi che prevede un piano straordinario finalizzato all’assunzione degli insegnanti precari fino all’esaurimento delle graduatorie.

Le nuove regole per il reclutamento del personale docente sono state pubblicate ieri sul sito del governo “passo dopo passo”: l’esecutivo ha dichiarato di voler aprire un dibattito con i cittadini sulle linee guida della riforma, il cui costo passerà dai 3 ai 4 miliardi di euro in 10 anni.

Dunque, secondo quanto affermato ieri da Renzi, “stop alla supplentite” e largo ai nuovi docenti, 150 mila stimati entro il 2015 che saranno assunti in prevalenza dalle Graduatorie ad esaurimento (il 90% contro l’attuale 50%), mentre una minoranza otterrà un posto superando un concorso.

Un altro punto fondamentale della riforma del corpo docente è la mobilità, non solo geografica ma anche della didattica: gli insegnanti, oltre ad essere assunti in una provincia o in una regione diversa da quella di residenza, potranno insegnare una materia affine ai loro studi.

I cambiamenti nella scuola non riguardano solo i docenti ma anche gli studenti, che vedranno un sostanziale cambiamento del loro orario scolastico, più ricco di interazioni con il mondo del lavoro. E, inneggiando alla guerra contro la burocrazia con il referendum “Sblocca scuola”, Renzi ha salutato con entusiasmo la nuova stagione della formazione: “Abbiamo un anno di tempo per rivoluzionare la scuola. Se saremo in grado di ripensare nei prossimi 12 mesi a come l’Italia investe nella scuola, costruiremo la crescita nei prossimi 20 anni”.

Il decreto legge che regolamenterà i nuovi reclutamenti è atteso tra dicembre e gennaio, ma le coperture sono ancora un mistero che verrà (forse) svelato con la prossima legge di stabilità.

Benedetta Cucchiara
4 settembre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook