Weekend di riforme, Renzi: “l’Italia riparte”

Weekend di riforme, Renzi: “l’Italia riparte”

Renzi-tour-mezzogiorno-italiaUn fine settimana ricco di impegni attende il governo. Terminata la pausa estiva, il premier Renzi ha dichiarato su Twitter di essere pronto ad affrontare le riforme, oggetto del prossimo Consiglio dei ministri del 29 agosto.

Venerdì “l’Italia riparte” e di fronte alle critiche e ai consigli dati all’esecutivo per organizzare al meglio l’agenda politica, il premier ha ribadito di “avere le idee chiare sulle priorità e di non voler accettare lezioni da nessuno”.

La riforma della giustizia, il decreto sblocca Italia, le nomine europee e la scuola, saranno al centro del progetto riformatore che sarà avviato dal 1 settembre e si concluderà, a detta di Renzi, tra 1000 giorni, termine che lo stesso premier ha cercato di giustificare: “i soliti noti hanno voluto leggere questa scadenza come un rallentamento della nostra azione di cambiamento. Al contrario, l’arco temporale fissato ne costituisce l’orizzonte, la profondità, l’intensità di un mandato di legislatura, una stagione di governo difficile e appassionante”.

Nonostante il decreto sblocca italia e la riforma della giustizia siano provvedimenti corposi e complessi, prevendendo il primo una maggior semplificazione burocratica e il secondo la modifica del diritto civile e penale, Renzi ha concentrato maggiormente la sua attenzione sulla scuola e ha auspicato una proficua cooperazione tra istituzioni, studenti, corpo docente e cittadini. “Nell’istruzione c’è il futuro del paese” ha sottolineato il presidente del Consiglio, dopo aver convocato a Palazzo Chigi i capigruppo democratici per elaborare il suo grande patto formativo sulla scuola.

Nel weekend l’esecutivo lancerà la sua sfida per il cambiamento che, secondo il premier, “andrà avanti coinvolgendo e non escludendo e correndo, ma senza lasciare nessuno indietro”.

Benedetta Cucchiara
27 agosto 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook