Per Delrio siamo vicini all’Accordo per ottenere i fondi strutturali dall’Ue. Renzi: spenderemo bene le risorse che saranno messe a disposizione

Per Delrio siamo vicini all’Accordo per ottenere i fondi strutturali dall’Ue. Renzi: spenderemo bene le risorse che saranno messe a disposizione

renzi expoA dispetto delle preoccupazioni emerse dalle osservazioni prodotte in luglio dalla Commissione europea riguardo l’Accordo di partenariato 2014-2020 sui fondi Ue, il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Delrio, attraverso una lunga dichiarazione, ha lasciato trasparire una certa fiducia: “Sulla base dell’intenso lavoro svolto in queste settimane posso affermare che siamo ormai prossimi alla chiusura del testo definitivo sull’Accordo di partenariato a settembre, nel rispetto della tabella di marcia che ci eravamo dati. I 40 miliardi di fondi europei dell’Accordo, ancora da stipulare, rappresentano oggi semmai l’opportunità di spenderli tutti fino all’ultimo centesimo e non il rischio di perderli. Il lavoro ha consentito di precisare meglio, tra l’altro, l’impegno sul rafforzamento della capacità istituzionale, che verrà attuato attraverso la predisposizione di appositi piani di riorganizzazione amministrativa, da parte di tutte le amministrazioni titolari dei fondi strutturali”.

Delrio ha proseguito analizzando le tipologie d’intervento che sono in preventivo: “Molti di questi piani sono già in avanzato stadio di definizione: la Commissione e il Dipartimento per le politiche di sviluppo faranno il punto su questo esercizio con tutte le Regioni e i Ministeri a metà settembre. È stata data puntuale risposta alle richieste riguardanti la precisazione di alcune tipologie d’intervento, ad esempio nel campo degli aiuti alle imprese, chiarendo l’esigenza di adottare – fra gli altri – strumenti che possano consentire di ampliare la platea delle imprese innovatrici, raggiungendo anche quelle di piccola dimensione”.

“Siglato l’accordo, il primo step di verifica sarà il 31 dicembre 2017. C’è quindi l’opportunità di utilizzare questa programmazione e l’intesa con la Commissione europea per sostenere la realizzazione dei programmi, superando ‘incrostazioni’ che si sono stratificate da anni nel Paese”.

In una dichiarazione rilasciata durante la conferenza stampa svoltasi durante la visita al cantiere di Expo 2015 a Milano, il primo ministro Renzi ha risposto alle preoccupazioni inerenti l’incapacità dell’Italia – a detta di Eurispes – di spendere i fondi comunitari: “Voi adesso vi siete accorti che c’è un problema di fondi strutturali, io ci ho fatto due primarie. Stiamo affrontando le difficoltà che derivano dalla gestione passata”. E aggiunge: “I fondi europei l’Italia negli ultimi decenni li ha spesi peggio di come avrebbe potuto. Il nostro governo cercherà di cambiare il modello. L’Italia intende spendere i fondi strutturali dell’Unione in opere di interesse nazionale e nella scuola, invece che in ‘eventi una tantum’ come si è fatto finora”.

Davide Lazzini
13 agosto 2014

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook