Caos al Senato, bocciata la mediazione di Chiti sulle riforme

Caos al Senato, bocciata la mediazione di Chiti sulle riforme

Renzi a senatori, da vostra tenuta dipende ItaliaRoma – Un’altra battuta d’arresto al Senato. La richiesta di accordo sulle riforme avanzata del democratico Vannino Chiti nel corso della conferenza dei capigruppo, è stata respinta dal tenace ostruzionismo di M5S, Lega e Sel, facendo così naufragare una possibile mediazione tra le forze politiche.

La conferenza, voluta dal presidente del Senato Grasso, ha permesso all’esponente Pd di avanzare una proposta conciliativa per arrivare ad una più rapida approvazione degli emedamenti. Chiti, dopo aver dichiarato di essere favorevole al rinvio del voto alla prima settimana di settembre, aveva ribadito la necessità di concentrarsi sui temi più importanti, come l’elezione dei senatori, il numero dei deputati, l’immunità, l’elezione del Presidente della Repubblica, gli istituti di garanzia, le competenze del Senato sui temi etici, il referendum, le competenze tra Stato e regioni.

La proposta di Chiti, anche se appoggiata da Popolari per Italia, Gal, Scelta civica e dal ministro delle riforme Boschi che si è detta “favorevole ad una modifica del calendario”, è stata respinta immediatamente dall’opposizione e sia il Carroccio che il M5S non si sono mossi dalle loro posizioni. “Vogliamo risposte concrete, poi decideremo il percorso. In caso contrario, arrivederci…”- ha dichiarato il presidente dei senatori leghisti Gianmarco Centinaio seguito dai pentastellati: “Il Movimento Cinque Stelle ha presentato 200 emendamenti. Sono 200 emendamenti, su un totale di 8000, che manteniamo: la nostra è una battaglia a difesa della Costituzione”.

Con la sconfitta della moderazione, alle riforme costituzionali non resta che seguire il percorso tracciato dalla Boschi, sedute non stop e voto entro l’8 agosto, e nonostante le intenzioni del premier di scendere a patti, il M5S sta già preparando una “guerriglia democratica” contro il ddl.

Benedetta Cucchiara
29 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook