Riforme, ok della Commissione all’elezione indiretta dei senatori

Riforme, ok della Commissione all’elezione indiretta dei senatori

boschi-riforma-senatoIl ddl Boschi supera l’impasse dell’elezione indiretta dei senatori. La commissione affari costituzionali del Senato ha approvato l’emendamento presentato da Anna Finocchiaro e Roberto Calderoli, una modifica sostanziale del testo che metterà nelle mani dei Consigli regionali la scelta dei senatori.

Al termine della votazione, il ministro delle riforme Boschi ha espresso la sua soddisfazione, rivolgendo i suoi ringraziamenti a tutti coloro che, oltre la maggioranza, hanno dato il via libera al ddl, in primis Fi e Lega Nord. “Sono molto soddisfatta” – ha dichiarato Boschi- È stato rispettato l’impegno a far uscire il ddl entro oggi e di questo ringrazio la Commissione”.

Un si quello della Commissione, sofferto, che ha conosciuto una giornata di incertezza, fomentata dalle titubanze di Calderoli e dalla strutturale resistenza grillina, alleata ai malumori di Sel. Ma una riunione con Forza Italia e una buona parola con il Carroccio, hanno subito permesso alla maggioranza di avere la stampella necessaria per giungere al risultato ed approvare così l’elezione indiretta a Palazzo Madama. Approvata dunque la formula proporzionale, senza però tener conto della “consistenza dei gruppi parlamentari”; E, proprio la cancellazione di questa frase, ha spinto il Carroccio ad accettare il ddl, ora definito da Calderoli “un testo democratico”.

Incassato il primo successo, il testo approderà in Aula lunedì, mentre è attesa per venerdì prossimo l’approvazione definitiva.

Benedetta Cucchiara
10 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook