M5S rinvia l’assemblea, i dissidenti accusano Grillo della sconfitta

M5S rinvia l’assemblea, i dissidenti accusano Grillo della sconfitta

beppe-grillo-dopo-elezioniIl M5S incassa la sconfitta, ma rinvia l’assemblea dei deputati e dei senatori necessaria per fare il punto sulla situazione post elettorale.È quanto dichiarato ieri dal capogruppo alla Camera Giuseppe Brescia, giustificando la posticipazione della riunione con la volontà di “prendersi il tempo necessario per decantare, elaborare, evitare reazioni di pancia”.

Considerata dal capogruppo una “riunione come le altre”, l’assemblea è vista da molti come la conclusione dei contrasti interni, una fine che ha tutto il sapore di una resa dei conti tutt’altro che pacifica. La frattura all’interno del M5S, resa insanabile dalla debacle elettorale, riguarderebbe proprio la linea adottata da Grillo: troppi gli errori di comunicazione, dai riferimenti ad Auswitz al tribunale per i giornalisti, che secondo alcuni deputati hanno terrorizzato gli elettori e hanno fatto perdere al partito 3 milioni di voti.

Il fronte della dissidenza grillina non si è fermato unicamente al fattore comunicazione, ma è andato oltre, criticando pesantemente il divieto di alleanze sancito nei principi dei pentastellati.”Il Movimento siamo anche noi, non solo quelli che vanno in tv o sentono Grillo al telefono– hanno affermato i deputati ribelli, stanchi di essere esclusi dalla vita partitica e delusi dalla condotta del comico genovese: “Qui cè da rivedere tutto perché non siamo più alla mera filosofia, gli errori ora sono tangibili e hanno un peso: 3 milioni di voti in meno. E qualcuno dovrà risponderne”.

Alla provocazione dei dissidenti, Grillo ha risposto con la non partecipazione alla riunione, forse perché affaticato dal tour elettorale, forse perché un po’ sordo alle critiche dei ribelli, sebbene non abbia risparmiato parole di conforto ai fedelissimi, difendendo così la loro opera: “Questi ragazzi restituiscono gran parte dello stipendio e la gente continua a votare il vecchio, i tromboni, chi ruba.

Benedetta Cucchiara
28 maggio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook